Geraci Siculo, il paese dei centenari

L’Italia ha più di 17.000 centenari nella sua popolazione. Un numero che cresce ogni anno nonostante l’epidemia. E in alcuni paesi siciliani, in particolare a Geraci Siculo, sui monti delle Madonne, ci sono tre volte più centenari che nel resto della penisola.

All’inizio dell’anno, la tradizione vuole che il sindaco del paese presenti i suoi auguri agli anziani, portando loro un piccolo regalo. “Abbiamo fatto realizzare una coperta ricamata da un gruppo di pensionati che si incontrano due volte a settimana”, spiega Luigi Iuppa, sindaco di Geraci Siculo, “e questo lo offriamo agli anziani che non escono più molto dalle loro case”.

In sintesi, i quattro volte 20 anni hanno fatto i doni per offrirli ai cinque volte 20 anni che sono sempre più numerosi. Arroccato sulle vette delle Madonie, regione montuosa sotto Palermo, il paese di Geraci Siculo non è solo uno dei borghi più belli d’Italia, è anche uno di quelli con più di centenari.

Attualmente, sette abitanti su 1.800 hanno più di 100 anni e molti nei prossimi mesi supereranno il volgere del secolo. Giuseppe Attisant è uno di loro e, nonostante la vecchiaia e le ginocchia dolorose, vive da solo al secondo piano di un palazzo senza ascensore.

Il suo segreto: aria e acqua

Giuseppe aspetta il borgomastro davanti alla porta, appoggiato al suo “gadot”. Protetto dalla sua mascherina, dice di non aver paura del coronavirus, ne ha visti altri. In effetti, la sua vita è un romanzo. “Quando avevo cinque anni mi sono ritrovato solo nella foresta, perché mio padre era rimasto bloccato nel villaggio a causa del maltempo, ho frequentato la scuola solo per tre anni, e anche durante quei tre anni non sono mai andato a scuola . sono stato lì solo tre giorni “, spiega Giuseppe in dialetto siciliano.

Aveva 18 anni quando scoppiò la guerra e, nel 1943, fu uno dei soldati italiani in rotta dopo la caduta del fascismo. “Mi sono ritrovato nel centro Italia, nelle Marche, tutti cercavano di tornare a casa per non essere preso dai tedeschi”, sua figlia ascolta questa storia che conosce a memoria, ma sembra ancora stupita, “Sono tornato in Sicilia a piedi, uno, due, uno, due… E per attraversare lo stretto di Messina, siamo stati gettati in acqua, molti non sapevano nuotare”.

Ma se gli chiediamo il segreto della sua longevità, la risposta è ovvia. “L’acqua e l’aria siciliana, e per non mangiare troppo, posso contare sulle dita delle mie mani i chili di carne che ho mangiato in vita mia, e poi non andare troppo in chiesa”, lui ride.

La presenza delle famiglie

Il borghese afferma che i centenari del suo paese vivono quasi tutti con la loro famiglia. “Le famiglie sono molto presenti, figli e nipoti, ci sono rapporti genitoriali molto forti, a differenza di altri paesi dove le famiglie stanno cadendo a pezzi. “

Considera questa parte della spiegazione di questa longevità, con indubbiamente molto camminare: “gli orti e i campi sono sopra il paese, per arrivarci bisogna camminare su sentieri di arrampicata”.

Ma l’assessore ai Sociali, Marisa Zafonte, ha un’altra spiegazione. “Penso che sia il ritmo della vita. Sicuramente hanno avuto preoccupazioni e momenti molto difficili come il fascismo, la guerra, hanno conosciuto la fame, ma non hanno condotto una vita frenetica, hanno saputo accettare il ritmo lento delle giornate”, sottintendendo che oggi non è più possibile.

“Ho sempre lavorato con mio marito nei campi”

È senza dubbio il caso di Maria Rosaria Macaluso, che lo scorso novembre ha festeggiato i suoi 100 anni. Mostra con orgoglio la targa ricevuta per il suo secolo di vita. “Io ho cresciuto i miei figli e ho sempre lavorato con mio marito nei campi”, lei fa capire.

Questa contadina fu senza dubbio una delle prime donne italiane ad ottenere il diritto di voto nel 1946, ma la politica non la interessava.

Mangia una cioccolata con i pochi denti che le sono rimasti, e si lamenta che la sua sordità le impedisce di partecipare alla conversazione, ma non esita a rimproverare al borgomastro di dover ancora pagare le tasse. “Dimmi, ho appena ricevuto la bolletta della spazzatura, ma tu rubi alla gente? 130.000 lire per una casa che è chiusa e dove non abito più!”

Luigi Iuppa promette di rettificare. Non è così facile amministrare centenari che hanno ancora tutte le loro ragioni, anche se il passaggio all’euro sembra essere stato un po’ dimenticato da questa minuscola signora dai bei capelli bianchi.

Il borgo è ora oggetto di studio all’Università di Palermo per capire perché, su queste montagne tagliate fuori dal mondo, si moltiplicano i centenari.

READ  L'Italia eguaglia il record di imbattibilità nonostante il rigore sbagliato di Jorginho - Riepilogo delle qualificazioni ai Mondiali | Notizie di calcio

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *