Gavi trasmette, Bonucci sventato

Prestazione XXL del giovane Jaffe, doppietta di Ferran Torres, ma anche l’irriconoscibile fallimento di Capitan Bonucci e Squadra Azzurra: trova picchi e falli al termine delle semifinali di Nations League.

picchi

Gavi, che prima volta!

A 17 anni e due mesi, mercoledì sera Gavi è diventato il giocatore più giovane della storia a vestire la maglia della Roja. Per la prima volta con la maglia spagnola, il centrocampista dell’FC Barcelona è rimasto impressionato. L’evento di certo non lo ha fermato, ha brillato nel centrocampo della sua squadra. Tecnicamente molto a suo agio, sempre concentrato sull’anteriore, ha contribuito molto alla supremazia spagnola in particolare a centrocampo. Capace di giocare sia con il piede sinistro che con il destro, ha gestito 33 dei 35 passaggi nel campo avversario. È anche lo spagnolo che ha corso di più. Inoltre, ha pagato il lusso di stare davanti a Marco Verratti dopo un duello tra i due uomini. copia integrale.

Ferran Torres / Mikel Oyarzabal: il duo vincente

Doppio per uno e due passaggi per l’altro. Brillante nel suo ruolo di bugiardo numero 9, il giocatore del Manchester City ha segnato il suo decimo e undicesimo gol nelle ultime 15 partite con la selezione! Tutti hanno solo 21 anni. Il suo assistente serale Mikel Oyarzabal, che ha segnato 6 gol in 8 partite della Liga con la Real Sociedad, ha continuato il suo slancio con la maglia della Roja. L’ala 24enne ha costantemente superato Giovanni Di Lorenzo sul lato sinistro dell’attacco iberico. Da lì inviò due caviali al suo giovane collega. Un tandem vincente ha permesso alla Spagna di controllare la propria supremazia sul tabellone.

READ  Novak Djokovic si gode il suo tempo davanti alla folla al Roma Masters | Gli sport il Sole

flop

Bonucci: Capitan Fail

Il difensore della Juventus è completamente frustrato e ha lasciato i compagni in meno alla fine del primo tempo. Il capitano transalpino è stato ammonito per la prima volta per una stupida protesta dopo un fischio falloso, giustamente, contro Chiesa. Poi, 12 minuti più tardi, Leonardo Bonucci è andato al duello con Sergio Busquets ma il difensore italiano ha messo il gomito all’altezza del collo del centrocampista del Barcellona. Un gesto serio gli è valso una meritata seconda carta. Prima del suo precipitoso ritorno negli spogliatoi, Bonucci ha mostrato molta eccitazione, spesso superato dalla vitalità degli elementi offensivi spagnoli. Una partita che il difensore bianconero dimentica presto dopo uno splendido Europeo con il Nacional.

Italia: un irriconoscibile campione d’Europa

Ma dov’è finita la Squadra Azzurra della scorsa estate? A San Siro l’Italia non è riuscita a sfidare la supremazia tecnica della Spagna, se non nei primi dieci minuti di gara. Mentre ha costruito il suo successo all’Euro su un gioco di possesso palla, pressing alto e calcio che si è rivolto aggressivamente verso l’attacco, Squadra Azzura non è mai riuscita a impostare la partita proposta quest’estate, durante le semifinali. Privata di Immobile e Belotti in attacco e ridotta in 10 al 42′, l’Italia, che dominava tutti i settori, non poteva competere.

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *