Francia U20: doccia fredda per i Bleuets che perdono a Béziers, contro l'Italia

Francia U20: doccia fredda per i Bleuets che perdono a Béziers, contro l'Italia

Dominata nella mischia, l'Under 20 francese ha perso contro l'Italia, per la prima volta nella sua storia nel Torneo 6 Nazioni U20. Una seconda battuta d'arresto in tre partite per i giocatori del tecnico Sébastien Calvet.

Gli inglesi dicono “No scrum, no win”, d'Oltralpe la formula è la stessa: “Nessuna mischia nessuna vittoria”. Venerdì sera, in uno stadio Raoul-Barrière pieno, ma calmo come il Mar Mediterraneo, i Bleuets hanno subito la legge dell'Italia. È attorno alla mischia che la Squadra Azzurra ha costruito il suo successo nell'Hérault.

Marcos Gallorini, solido destrorso (1,90 me 135 kg) non ha ancora disputato una partita da professionista, ma ha messo a dura prova gli avversari, permettendo alla mischia transalpina di procurarsi quattro rigori nel primo atto (sei in totale).

Tre quarti hanno provato di tutto

Dopo una conquista netta, vanificata solo dal doppio metro del capitano francese Corentin Mézou, che ha rubato due palloni, l'Italia è andata due volte dietro la linea grazie al mediano di mischia Casilio e all'esterno Scalabrin.

Dominati in attacco, pensavamo finalmente che la salvezza dei Bleuets sarebbe arrivata dalla loro trequarti, sulla scia dell'irrequieta coppia di centrali Taccola-Brau-Boirie. Il primo, molto attivo, ha spostato bene il catalano Granell al 46' per una meta a fondo linea. Il secondo ha offerto a Zamora una meta nel primo atto, prima di tuffarsi dietro la linea dopo l'ora, per restituire il vantaggio ai protetti di Sébastien Calvet (20-16, 63esimo).

Scheda dati

FRANCIA 20
ITALIA 23

Stadio Raoul-Barrière.
Metà tempo: 8-13.
Spettatori: 14.157.
Arbitro: Mr. Kenny (AFS).
Per la Francia: 3 tentativi Zamora (21°), Granell (46°), Brau-Boirie (63°); 1 trasformazione Cotarmanac'h (10a); 1 trasformazione Cotarmanac'h (63a)
Per l'Italia: 3 tentativi Casilio (10°), Scalabrin (25°), Botturi (70°); 1 trasformazione Puccirriello (70°); 2 rigori di Pucciariello (17°, 42°).
Cartellino giallo per l'Italia: Bozzo (46°).
FRANCIA : Mousques – Biasotto, Brau-Borie, Taccola, Granell (Cowie, 67°) – (o) Cotarmanac'h, (m) Zamora (Souverbie, 54°) – Tolofua, Perrin (Traversier, 70°), Zinzen – Corso, Mézou (cap .) – Aouad (Duchene, 67°), Couly (Akrab, 40°), Julien (Mistrulli, 40° poi Julien, 70°).

READ  Covid, la Toscana si è svegliata in arancione. Giani anticipa il dato di oggi: +753 / LIVE

Nonostante le intenzioni di gioco della tre quarti francese, è stato il gruppo italiano ad avere finalmente l'ultima parola in questo parziale con una meta dietro una mischia vincente del numero 8 (20-23, 70°).
Un ultimo colpo nei cinque metri avversari viene infine sprecato dai Bleuets, che confermano il detto: è difficile vincere senza una buona mischia.

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *