Francia-Italia, secondo quarto e seconda vittoria per i Blues

Per la seconda partita consecutiva contro l’Italia, dopo una strappata vittoria (78-77) ai supplementari, i Blues hanno accolto i loro vicini d’oltralpe al fianco del Montpellier e non c’è stata partita (100-68).

La difesa del tricolore ha soffocato l’Italia, che ha chiuso con 68 punti, mentre la Francia ha raggiunto i 100 punti dietro un buon lavoro di squadra e cinque giocatori con 10 o più punti, tra cui Eli Okubo con 18 punti. La terza partita per i Blues testimonia una buona ascesa al potere prima di affrontare il Belgio in due giorni.

La partenza di Gad

Vincent Colette mantiene le ormai solite cinque posizioni principali con Thomas Hurtl, Evan Fournier, Timothée Loew-Cabarrot, Guirchon Yabusel e Rudy Joubert. Nonostante si siano spaventati alla caviglia destra di Nick per aver perso 3 punti, i Blues hanno preso molto sul serio l’inizio della partita.

Un 10-4 li porta saldamente in vantaggio con la coppia Heurtel-Gobert in carica. Senza Luigi Datumi l’Italia si compone il più possibile e Niccol Melli manda le prime cosche. Ma, come un rapido errore tecnico di coach Pozzecco, la Francia è già passata in vantaggio, con un nuovo battito di Théo Maledon.

Eli Okubo e Vincent Poirier tirano i loro pugni dalla panchina ed è 20-10 per i Blues! Il primo quarto è molto pulito con 11 punti di vantaggio e 7/12 nei tiri. Tutti i debuttanti hanno segnato e la panchina ha contribuito con 11 punti. Tutto gira (25-14)!

Master di Thomas Hurtle

Vincent Poirier porta il punto a casa con un grande tuffo per iniziare il secondo quarto, ma ci sentiamo un po’ rilassati. Achille Polonara e Tommaso Baldasso spuntano da 3 punti e impongono un timeout di Vincent Colette. I Blues reagiscono subito alla brillantezza di Rudi Gobert su entrambi i lati del campo.

READ  Sale la tensione tra Francia e Regno Unito

Ma gli italiani tornano a -6 solo con Baldasso che continua ad alimentare il segno. Impeccabile nel primo tempo con 10 punti e 5 assist, Thomas Heurtel mette fine alla striscia nera del tricolore. Questo riaccende il rapporto con Yabusele e Fournier concludendo bellissime mosse offensive dietro la prua.

Se Fontecchio registra al campanello un’improbabile tripla, il distacco all’intervallo sarà lo stesso dopo il primo quarto: +11 (51-40). Sul 7/9 da 3 tiri i Blues sono abili, ma non si può dire che giochino puliti, con 10 palloni vaganti.

I Blues affermano il loro dominio

Anche se perfetto, il match della nazionale francese ha ampiamente soddisfatto le aspettative per questo secondo turno contro l’Italia. Evan Fournier mette il rollback cap su un passo indietro e Rudy Goubert colpisce la palla e collega un passaggio nella parte posteriore per un contropiede.

I Blues partono forte, sull’11-6 per iniziare con un divertente e involontario passaggio di testa di Gobert per Yabusele sotto il cerchio. Il divario maggiore è stato raggiunto, nonostante gli sforzi di Gallinari o Mannion.

Fournier e Poirier hanno presentato +20 ai Blues in una manifestazione alla fine del terzo quarto. Poirier schiaccia anche immerso per simboleggiare il predominio dei tre colori. Con 25-15 in questo periodo, la Francia è rimasta in pugno prima dell’ultimo quarto (76-55).

serio fino alla fine

Insoddisfatti ancora, gli uomini di Vincent Collette hanno mantenuto la loro pressione difensiva nell’ultimo quarto e sono andati 14-4 dietro a Okubo e Gayet, rispettivamente dalla distanza e nella vernice. Thierry Tarbe paga a quest’ultimo una somma di denaro sul caviale e la Francia si apre completamente.

La differenza negli anni ’30 e il totale della festa a Montpellier, che già ospitava Euro 2015, quando Theo Malidon diede il canestro offrendo 100 punti ai Blues. La Francia raddoppia il vantaggio sull’Italia deludente (100-68).

READ  Il Premio Nobel per la Fisica italiano svela come risparmiare energia durante la cottura della pasta: questo trucco non convince tutti

I Blues avranno un giorno di riposo prima di vestire nuovamente la maglia per il nuovo match di riscaldamento contro il Belgio, sempre a Montpellier. Prima le cose si fanno serie e la partita di Percy contro la Repubblica Ceca, che conterà sulla qualificazione ai prossimi Mondiali.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.