France Télévisions e TF1 attaccano Canal + per il suo passaggio non crittografato mentre sono in isolamento

France Télévisions e TF1 attaccano Canal + per il suo passaggio non crittografato mentre sono in isolamento

Accusato da entrambi i gruppi di aver tradito la cronologia dei media durante il primo periodo di confinamento, Canal+ potrebbe essere costretto a pagare più di 40 milioni di euro ai suoi rivali.

Chiarire i propri canali all’inizio della crisi avrebbe fatto piacere a molti telespettatori, ma non alle emittenti. Ricorda, all’inizio del confinamento, che il canale crittografato ha reso l’accesso gratuito a tutti i suoi programmi, a tutti i telespettatori. Un gesto pubblico in segno di sostegno a Canal+ che non è stato apprezzato dai beneficiari. È stato quindi contattato dall’Agenzia spaziale canadese per ordinare l’interruzione dell’operazione e l’interruzione della trasmissione in chiaro dopo pochi giorni.

Se le trasmissioni possono piacere ai francesi e la quota di ascolto di Canal + è passata dall’1% al 2% durante il periodo, i concorrenti da parte loro si sentono puniti. France Télévisions non ha apprezzato la trasmissione in chiaro del film del 18 marzo”Venezia non è in ItaliaAd esempio, France 2 Cinéma è stata coinvolta nella produzione. Ricorda che al momento, la cronologia di Canal+ consente lo streaming di film con oltre 100.000 accettazioni in quattro settimane e otto mesi dopo la loro uscita nelle sale, contro i ventidue mesi dei canali gratuiti.

Se il CSA non aveva intenzione di agire contro il canale, pur deplorando di non essere stato all’epoca avvertito di tale iniziativa, TF1 e France Télévisions dal canto loro si sono appropriati del canale criptato davanti alla Corte Giudiziaria di Parigi per “ contraffazione” e “concorrenza” sleale e parassitaria”. Channel +, posizionandosi chiaramente, si è comportato come se avesse acquisito diritti espliciti. Tuttavia, questi sono i diritti di TF1 e France Télévisions » Spiega l’esperto di file. France Télévisions ha già inviato una lettera di notifica ufficiale alla sua controllata Vivendi nel marzo 2020 in merito.

READ  Una serie sulla vita di Edward Philip? "Sarebbe noioso da morire."

La filiale di Bouygues chiede 11,3 milioni di euro e France Télévisions vuole circa 30 euro. Secondo le informazioni ricevute da eco, si sarebbe potuta proporre una mediazione giudiziaria per una composizione amichevole. caso da seguire.

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *