FIFM 2023: La regista franco-marocchina Sofia Alaoui stupisce il pubblico con il film Animalia

FIFM 2023: La regista franco-marocchina Sofia Alaoui stupisce il pubblico con il film Animalia

Casablanca: E 3 per il Conte Bouderbala! Questo è anche il titolo dell’ultimo show del comico: Conte Bouderbala 3. L’attore ha interpretato questo one-man show a Casablanca, più personale dei suoi spettacoli precedenti. Il franco-algerino si è esibito per la prima volta in Marocco.

“È stato interessante. Mi è venuta voglia di tornare indietro e vedere a che livello ero, perché quando si è figli di immigrati, giocare nel Maghreb non è mai nelle stesse condizioni che in Francia. È sempre riservato a una certa categoria di persone, a causa dei prezzi.” “E il contesto… rimette le idee al posto giusto.” Notizie arabe in francese.

Nel suo nuovo programma, Sami Amezian, soprannominato Conte Bouderbala, parla della sua vita personale e dei suoi tentativila recitazione Nel cinema, nella sua carriera nel basket e nella società in generale. Il suo senso dell’umorismo, benevolo, a volte sarcastico, persino sarcastico, ha conquistato il pubblico.

Cambia il registro

“Nei primi due spettacoli mi sono piaciute alcune cose e altre meno. Avevo 29 anni quando ho iniziato la mia carriera. Ovviamente non siamo più gli stessi di quando ne avevo 44. Volevo cambiare il record per offrire qualcosa di più personale.”

Nella sua presentazione l’artista evoca anche alcune novità e fenomeni sociali. Eventi, situazioni a volte comiche, a volte drammatiche, a volte gli permettono di consegnare un messaggio. “A volte sensibilizzare qualcuno su una situazione può aiutarlo ad andare avanti. Se è un bel disegno passerà alla storia, se fa capire certe cose senza essere moralista, perché a me non piace predicare la moralità in i miei spettacoli Uno spettacolo è un momento di armonia, un momento sospeso.

READ  L'elegante italiana Monica Bellucci, ex moglie del regista Vincent Cassel, appare per la prima volta con il suo noto compagno regista

Sami crebbe a Saint-Denis, un sobborgo di Parigi, entrò nel mondo dell’arte e divenne conte Bouderbala. Sceglie anche il nome del suo artista durante la sua prima scena. Era accanto al suo amico del campo estivo, Grand Corps Malade.

“Ci sono molte similitudini tra lo sport e il teatro: l’adrenalina, l’ansia del palcoscenico, lo sguardo del pubblico. Il pubblico è partner e avversario allo stesso tempo. Dobbiamo avere un ritmo, dobbiamo vincere, convincerlo…”

“Stavamo suonando Slam sul palco e abbiamo visto che i ragazzi avevano ciascuno dei soprannomi. Eravamo in tre e abbiamo detto che ne avremmo preso uno. Lui ha preso ‘Grand Corps Malade’, il mio amico ha scelto ‘John Pucc’ Chocolat’, e Ho scelto “Comte de Bouderbala” perché era completamente specifico e “Bouderbala“Significa ‘stracci’ in arabo. Il ‘Conte’ prende il nome dalla città di Saint-Denis e dalla sua cattedrale, nella quale sono sepolti tutti i re di Francia. È una specie di falsa nobiltà, vestita un po’ poveramente. Ma i vestiti non fanno un monaco!” Lui ride.

Prima di sperimentare i suoi primi successi sul palco, Sami Amezian eccelleva sui pavimenti. Questo campione di basket ha giocato professionalmente in Algeria e Francia prima di passare alla panchina. Husky del Connecticut, USA. Nel 2005 ha vinto il titolo della Eastern Conference con la squadra universitaria.

Partner e avversario

“Sono venuto a teatro perché ho questo background. Ci sono molte similitudini tra lo sport e il teatro: l’adrenalina, la paura del palcoscenico, lo sguardo del pubblico. Il pubblico è un partner e un avversario allo stesso tempo. Dobbiamo avere una ritmo, dobbiamo vincere, convincerlo…”

Un’esperienza eccezionale che Sami racconta nel suo libro sorprendente. Questa storia, che ripercorre la sua storia e il suo viaggio, la condivide con il suo pubblico nel suo ultimo spettacolo, in tournée in tutta la Francia.

READ  Radisson Hotel Group stabilisce il suo marchio "Radisson for Individuals" in Italia

“Ho scritto questo libro per mio padre, la pace sia sulla sua anima e per i miei figli. Volevo lasciare un segno e mostrare alle persone che bisogna saper sognare, lavorare e provare. Spesso, nelle nostre lingue francesi e nordafricane società, ci viene impedito di sognare. In Francia non ci rendiamo conto di quanto siamo fortunati”. Come figli di immigrati. Una volta attraversata la frontiera, stiamo bene! Parliamo diverse lingue, sappiamo fare molte cose, e anche se qui veniamo insultati, non è la fine. Non dovresti esitare a metterti in pericolo, attraversare il confine e andare a vedere cosa c’è altrove “E questa era l’idea di questo libro.”

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *