Festival. L’Italia sotto i riflettori per l’edizione 2024 del Fimu de Belfort

Festival.  L’Italia sotto i riflettori per l’edizione 2024 del Fimu de Belfort

Il Festival Internazionale di Musica Universitaria (Fimu) si svolgerà a Belfort da giovedì 16 maggio a domenica 19 maggio. Il padrino o la madrina non si sapranno prima di qualche settimana ma sappiamo già quale paese succederà al Canada. Per quanto riguarda il bando, hanno già risposto 1000 artisti.


Benjamin CORNUEZ
Oggi alle 17:30

Con quasi 108.000 spettatori in quattro giorni, l’edizione del 2023 era stato un notevole successo. La squadra di Fimu , la cui gestione è stata rinnovata, intende fare altrettanto anche quest’anno. I servizi culturali della città di Belfort hanno organizzato questo lunedì, 23 ottobre, una conferenza stampa per svelare i primi elementi del prossimo evento. Per i suoi 37e edizione, il Festival Internazionale di Musica Universitaria metterà l’Italia sotto i riflettori. Se non si conosce ancora il nome del padrino o della madrina, il successore del cantante del Quebec Émile Bilodeau dovrebbe essere annunciato entro la fine dell’anno.

“Il DNA del festival rimane lo stesso – assicura Damien Meslot, sindaco di Belfort – puntiamo sulla parte internazionale, con la presenza di gruppi e artisti da tutto il mondo. ” Dopo Libano nel 2022 , Canada nel 2023, l’Italia è l’ennesima promessa di scoperta musicale. “Fimu ha sempre avuto un legame molto forte con questo paese”, ricorda Delphine Mentré, deputata alla cultura e al patrimonio della città di Belfort. Un gran numero di candidature che riceviamo ogni anno provengono da artisti italiani. »

Gruppi emergenti

Nel 2023 l’Italia è risultata tra le prime tre in termini di candidature. Anche quest’anno, ancor prima dell’annuncio che il festival avrebbe onorato il Paese, era tra i primi cinque. “L’incursione della musica italiana o dei suoi gruppi emergenti è piuttosto rara sul suolo francese. Ci sono eccezioni come i Måneskin o la pianista Béatrice Rana, ma c’è ancora del lavoro da fare”, riconosce Delphine Mentré. “Nell’immaginario l’Italia è legata all’opera e alla musica classica. Ma questo significa dimenticare un panorama musicale di alto livello, sia nel rap che nell’elettronica per esempio. »

READ  Traforo del Fréjus: domenica previsto un traffico senza precedenti, “abbiamo deciso di abbreviare la nostra permanenza in Italia”

Tra i cento gruppi o artisti del festival, uno Particolare importanza sarà data ai gruppi locali. “Fimu deve testimoniare la vitalità della scena regionale”, afferma Delphine Mentré. È la possibilità per questi gruppi di farsi ascoltare dal proprio pubblico, spesso presente in gran numero. Ma non perdiamo mai di vista la “i” di internazionale in Fimu, la troverete nella programmazione. »

Con un approccio eco-responsabile, i team Fimu collaborano con altri festival per gestire i tour. “Questa apertura al mondo va pensata bene, sarebbe un peccato portare artisti internazionali per una sola data. » Mantenute le collaborazioni con il festival Soko (Burkina Faso), Beirut e oltre e Rumman (Libano), nonché il Cégep (Canada). Una boccata d’aria fresca visto il contesto internazionale che il mondo sta attualmente vivendo.

Ritorno da Place de la République

L’anno scorso, la festa è stata segnata dall’assenza di festeggiamenti in Place de la République, quest’ultimo essendo in costruzione. “Possiamo contare sul ritorno di una scena in questa location. Sarà diverso, perché il posto sarà completamente rinverdito”, si rallegra Damien Meslot. Nel 2023, invece, non ci saranno concerti al teatro Granit, sempre per motivi di costruzione. “Questi aggiustamenti permettono nuove configurazioni”, aggiunge Delphine Mentré, “alcune hanno funzionato molto bene e le vedremo di nuovo, come la scena del campus o le aree dei ristoranti lungo la Savoureuse. »

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *