FES (m) | La Francia esce dalla trappola italiana

Ad inizio gara i francesi hanno poi attaccato la traversa perfetta per vincere senza tremare in Italia questo pomeriggio (40:29).

Di fronte a squadre meno lussuose, la trappola affrontata dalla nazionale francese è spesso la stessa. Fai salire di livello il tuo avversario, lascialo fluire in estasi e ritrovarsi in difficoltà, dovendo combattere in uno scontro che sulla carta sembra semplice.

Che fosse giovedì, a Poitiers contro la Lettonia, o, in misura minore, in Italia questa sera, gli uomini di Guillaume Gille hanno fatto i loro affari alla perfezione. In una stanza di Pescara gremita fino all’orlo, gli italiani hanno iniziato l’incontro in pompa magna. E hanno approfittato della perdita del pallone tricolore, fino ad avanzare con tre gol al decimo minuto grazie a Pablo Marucci.

Ma la gente del posto non ha tenuto il passo in caso di aumento della velocità. Quanto a loro, i francesi non erano arrabbiati. La forza di Timothy N’Guessan ha permesso a tutti di non prendere l’acqua, e l’ingresso di Nikola Karabic, a quindici minuti dall’inizio del match, ha riportato tutti nella giusta direzione. Meno velocità, forse anche meno follia, ma più app.

E da quel momento i suoi compagni di squadra esemplari Andrea Parisini (7 gol) non hanno più votato in materia. Valentine Porte non sbaglia quasi nulla in contropiede, Dika Mem accende la miccia da lontano e il risultato è che, nonostante un recente fallimento di Hugo Descat, i Blues hanno sei lunghezze in contropiede (18:12).

Il secondo periodo, in una direzione, si estenderà come una giornata piovosa, permettendo a Guillaume Gille di voltarsi. Giovedì Nicholas Tornat ha mantenuto il suo bottino con sette gol, approfittando della palla in aumento spinta dal collega di Kelsey, Nadim Rimelli.

READ  Dow Jones Futures: The stock market rally reaches its highest on Apple, Amazon and Google, but growth is having a bad day

Alla fine, vittoria di undici gol e difficoltà a imparare le lezioni contro avversari così deboli. Tuttavia, le basi sono state mantenute: due vittorie, un girone che non mancava in automatico dopo sei mesi senza un incontro e malfunzionamenti fisici limitati all’unico infortunio di Kenten Mahi giovedì sera.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.