F1: Verso un altro duello serrato tra Mercedes e Red Bull in Francia | Sport | il Sole

IlL’olandese Max Verstappen (Red Bull) ha dato il via al secondo turno battendo il finlandese Valtteri Bottas con appena 8.000. Un altro pilota Mercedes, Lewis Hamilton, è sceso al terzo posto.

Verstappen è stato aggressivo fin dall’inizio e ha danneggiato la sua ala anteriore con la sua corsa alla curva 2, causando l’uscita di una safety car virtuale 15 minuti dopo. Ha poi recuperato bene facendo segnare il miglior tempo in 1 minuto 32,872 secondi.

Il campione del mondo Hamilton ha ceduto 0.253sec su Verstappen, dopo essersi lamentato dei problemi di bilanciamento della vettura durante la simulazione di gara.

Nella parte posteriore, le vetture alpine dello spagnolo Fernando Alonso e del francese Esteban Ocon hanno fatto impressione, conquistando il quarto e il sesto posto, con Charles Leclerc che ha messo in mezzo la sua Ferrari.

Pierre Gasly ha piazzato la sua AlphaTauri al settimo posto, davanti al ferrarista Carlos Sainz. Kimi Raikkonen (Alfa Romeo) e Lando Norris (McLaren) sono in cima alla top ten.

Kipker Lance Stroll (Aston Martin) si è accontentato del 16° posto, a 1.760 secondi dalla lancetta, dietro al compagno di squadra Sebastian Vettel.

In precedenza, Bottas ha dominato la prima sessione davanti a Hamilton e Verstappen.

Verstappen guida il campionato piloti di quattro punti sul campione in carica Hamilton dopo sei gare in una stagione emozionante finora.

Verstappen avrebbe potuto aumentare e perdere il suo vantaggio in colpi di scena al Gran Premio dell’Azerbaigian due settimane fa. Era in gran parte in testa alla gara con Hamilton al terzo posto quando la sua gomma è esplosa verso la fine della gara e non ha segnato punti. Questo sfortunato incidente avrebbe dovuto dare ad Hamilton un vantaggio.

READ  Futbol - Italia - La Salernitana negata la promozione in Serie A?

Ma quando la gara è ripresa con due giri, il sette volte iridato ha inspiegabilmente bloccato i freni. Hamilton ha sbagliato il primo calcio d’angolo cercando di superare Sergio Perez (Red Bull) e ha fatto un allungamento rettilineo, passando dal secondo al 15esimo e segnando punti.

La Red Bull ha incolpato Pirelli per la rottura delle gomme.

“Speriamo di non vedere più incidenti come abbiamo visto in Azerbaigian”, ha detto il team manager Christian Horner.

Hamilton non è d’accordo con l’opinione della Red Bull, affermando che il produttore di pneumatici italiano non si è sbagliato in questa occasione.

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *