Europa: Gentiloni vuole tetti al debito individuali per Paese

Inserito a dicembre. 2021 alle 18:04Aggiornato il 29 dic. 2021 alle 18:21

Da qui al prossimo marzo, quando è in programma un vertice informale dei capi di Stato per ripensare il quadro di bilancio dell’UE, fioriranno palloni sperimentali e ipotesi di lavoro con l’obiettivo di cambiare l’ordine economico europeo.

Ciò include la liberalizzazione del Patto di stabilità che limita il deficit pubblico al 3% del PIL e, in teoria, vieta il debito superiore al 60% del PIL. Questi standard sono stati sospesi fino al 2023 per far fronte alla pandemia mentre i Paesi e la Banca centrale europea, per due anni, hanno adottato misure straordinarie di bilancio e monetarie, superando tutte le soglie.

Sul fronte politico, Parigi detiene la presidenza dell’Unione il 1è essere Gennaio, in prima linea su questo sito. Ma il comitato è in fase di preparazione e in autunno ha lanciato una discussione sui cambiamenti da apportare. In un’intervista al quotidiano tedesco Frankfurter Allgemeine Zeitung (FAZ), il commissario europeo agli Affari economici, Paolo Gentiloni, che sta preparando la riforma del Patto di stabilità, ha chiarito di volere che la Commissione disponga di strumenti più efficaci per garantire il rispetto del bilancio regole da parte degli Stati membri. Soprattutto, vorrebbe fissare obiettivi di debito paese per paese.

rapporti di gradazione di questo

Non possiamo mettere tutti i paesi sullo stesso livello. “Le differenze nei rapporti di indebitamento sono attualmente troppo grandi per essere raggiunte”, ha affermato Paolo Gentiloni. Secondo gli ultimi dati forniti da Eurostat, Debito pubblico totale nel secondo trimestre del 2021 Ha raggiunto il 207,2% (!) del PIL in Grecia, il 156,3% in Italia, il 114,6% in Francia, ma il 30,7% in Danimarca e il 26,2% in Lussemburgo.

READ  Le cinque nazioni si sono riunite "in prima linea" per accogliere i migranti ad Atene - EURACTIV.com

Ma se, di fronte a tale discrepanza, è giustificata una gradazione del rapporto debito/PIL, allora il commissario è contrario all’idea di Klaus Regling, direttore generale del meccanismo europeo di stabilità, di aumentare il tetto del debito al 100% il PIL del Paese. Tutti i ventisette. “Questo semplicemente non si adatta alla mia idea di una visione divergente dei paesi”, ha spiegato al quotidiano tedesco.

Sulla stessa linea è il ministro delle finanze francese Bruno Le Maire, che da gennaio guiderà l’Ecofin, che ha già iniziato a discuterne con i colleghi. In particolare con il liberale Christian Lindner, che ha appena rilevato il ministero delle Finanze della Germania.

per la “sostenibilità del debito”

Berlino sarebbe disposta a vedere lo sviluppo delle possibilità di indebitamento per i ventisette, purché fosse in grado di punire chi ne travalicava i limiti con meccanismi attivabili senza l’intervento della commissione. I Paesi Bassi, un po’ ortodossi in termini finanziari, potrebbero essere più aperti, poiché una nuova coalizione è salita al potere.

L’idea sta prendendo piede. In una rubrica su The World del 17 dicembre, un piccolo gruppo di economisti (tra cui Philippe Martin, Jean-Claude Pres e Jean Pisani-Ferry) ha chiesto una riforma che “dia maggiore priorità alla sostenibilità del debito, crei spazio di manovra per la stabilità e consente la differenziazione degli obiettivi di indebitamento medio.” termine.” L’ambizione è realizzabile, a loro avviso, perché richiede solo un’azione legislativa speciale e non richiede la ratifica da parte di ogni Stato membro.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *