Etiopia: Abi Ahmed guiderà un “contrattacco” direttamente sul fronte

Mercoledì, i media statali hanno riferito che il primo ministro etiope Abiy Ahmed è in prima linea mentre guida le forze governative in un “contrattacco” contro i ribelli della regione del Tigray che minacciano di impadronirsi della capitale, Addis Abeba.

Diversi paesi e organizzazioni da soli hanno chiesto all’Etiopia di andarsene, poiché gli sforzi diplomatici della comunità internazionale finora non sono riusciti a garantire un cessate il fuoco, dopo più di un anno di conflitto segnato dallo spettro della carestia.

La Fana Broadcasting Corporation ha riferito che Ahmed, il premio Nobel per la pace 2019, sta ora “guidando il contrattacco” e “guidando il campo di battaglia da ieri”, affermando che il vice primo ministro Demek Mekonnen ad Addis Abeba sta ora gestendo “gli affari correnti”.

Mercoledì non è stato possibile sapere dove si trovasse il primo ministro, un ex radiotelegrafista dell’esercito diventato colonnello. Fana non ha trasmesso le sue foto in campo.

Di ritorno da un nuovo incarico ad Addis Abeba, l’inviato statunitense nel Corno d’Africa, Jeffrey Feltman, ha annunciato martedì “progressi emergenti” verso una soluzione diplomatica del conflitto. Ma ha avvertito che l'”escalation” militare rischia di renderla inutile.

La guerra in Tigray è iniziata nel novembre 2020, quando il signor Ahmed ha inviato lì l’esercito federale per cacciare le autorità dal Fronte di liberazione del Tigray, che ha sfidato la sua autorità e lo ha accusato di “attaccare le basi militari”.

Il signor Ahmed ha dichiarato la vittoria tre settimane dopo, dopo aver catturato la capitale regionale, Mikkeli. Ma a giugno, il Fronte di Liberazione del Tigray ha ripreso il controllo della maggior parte delle regioni del Tigray e ha continuato la sua offensiva nelle regioni limitrofe di Amhara e Afar.

READ  Gesto forte di Microsoft sui dati personali

Questa settimana, il Fronte di Liberazione del Popolo del Tigray ha rivendicato il controllo di Shewa Robit, un comune situato a 220 chilometri a nord-est di Addis Abeba.

Medaglia olimpica da principiante

Mercoledì, centinaia di nuove reclute dell’esercito, che Ahmed ha esortato a “unirsi alla campagna per la sopravvivenza”, secondo Fana, hanno partecipato a una cerimonia ad Addis Abeba.

“Sono rimasto stupito quando ho sentito” che il primo ministro voleva unirsi ai soldati a terra, ha detto all’AFP Tesfaye Sharifa, un autista di 42 anni che era tra i coscritti.

Quando il leader se ne va […] Il suo trono salva la sua patria. Il suo obiettivo non è vivere, ma salvare il suo Paese, e ho pianto quando ha detto “Seguimi” ed è andato in prima linea. “

Tra coloro che hanno giurato di combattere c’è la maratoneta e medaglia olimpica Vesa Lilisa, che ha affermato che l’avanzata dei ribelli è stata una “grande opportunità” per difendere il paese.

“Quando un paese viene profanato, è impossibile per me non muovermi e limitarmi a guardare”, ha detto a un altro media statale, la BBC etiope.

Ai Giochi di Rio 2016, il signor Vesa ha fatto notizia tagliando il traguardo della maratona con le braccia alzate e incrociate – un gesto di solidarietà con il suo popolo, il popolo Oromo, le cui manifestazioni contro il potere sono state a lungo nelle loro mani. Il Fronte di Liberazione Popolare del Tigray fu duramente represso.

rallegrarsi

Il governo continua a sostenere che l’avanzata del TPLF è stata esagerata, denunciando una copertura mediatica sensazionale e raccomandazioni sulla sicurezza da parte delle ambasciate considerate allarmanti.

READ  Dichiarazione del Segretario di Stato a seguito delle audizioni del giusto processo di Michael Kovrig e Michael Spavor - 45eNord.ca

Le Nazioni Unite hanno espresso preoccupazione mercoledì dopo aver ascoltato le notizie di massicci spostamenti di persone nel Tigray occidentale. Washington ha già avvertito della pulizia etnica nella regione.

L’Ufficio dell’Alto Commissario per i Rifugiati ha affermato che questi movimenti avverranno da un’area al confine con il Sudan e l’Eritrea. Le autorità distrettuali del Tigray hanno segnalato 8.000 nuovi arrivi, forse fino a 20.000, ma questi numeri non sono stati immediatamente confermati.

Londra mercoledì ha invitato i suoi cittadini a lasciare l’Etiopia “immediatamente”, citando un rapido “deterioramento” della situazione.

Francia, Italia, Germania, Irlanda e Stati Uniti hanno fatto appelli simili. Anche Washington, Londra e l’Unione Europea hanno ritirato il loro personale non essenziale, mentre le Nazioni Unite evacueranno le famiglie del proprio personale straniero entro giovedì.

Separatamente, l’Irlanda ha annunciato mercoledì che l’Etiopia ha chiesto a quattro dei suoi diplomatici di lasciare il Paese entro la prossima settimana.

Il ministero degli Esteri ha affermato che la mossa deriva “dalle posizioni che l’Irlanda ha espresso a livello internazionale. […] Sul conflitto in corso e sulla crisi umanitaria in Etiopia.

Da parte sua, Parigi ha chiesto, mercoledì, un cessate il fuoco e un “dialogo politico” tra i belligeranti nel Paese.

Guarda il video

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *