Espandi la tavola italiana pur essendo te stesso

Sughi, pasta, olio, polpette, dolci e ora tre vini biologici. Con quasi quaranta prodotti nutrizionali disponibili nei negozi di alimentari, Stefano Faita è diventato una vera PMI e un marchio. Incontra uno chef che deve la sua umiltà a una madre umile e a un eterno senso dell’imbroglione.

Rigore, valori, semplicità e visione guidano lo chef stellato Stefano Vaita nella sua quotidianità, oltre che attraverso la pubblicazione delle sue aziende.

“Ho sempre avuto un truffatore dentro di me, anche quando ho aperto i miei ristoranti”, dice. Ero tipo, non sono un vero chef, ero in TV e cucinavo e tutti mi chiamavano chef, ma non andavo a scuola per studiare come gli altri. Ho sempre avuto questa sensazione e l’avrò sempre. “

Tuttavia, questo è lo stesso dubbio che gli fa prendere il tempo per sedersi e pensare e questo lo aiuta a tenere i piedi per terra. Orgoglioso di ciò che Michele Forgione (Direttore Culinario e Socio) ha fatto e realizzato in 8 anni di duro lavoro, afferma di essere riuscito a prendere il suo posto senza perdersi per strada.

“Siamo sempre rimasti fedeli a ciò in cui crediamo”, dice. Sono anche molto orgoglioso di vedere che i consumatori si fidano dei miei prodotti. Questo significa che sono sempre stato onesto. Questa fiducia mi tocca. “

Vuole che il marchio Stefano Faita sia il più onesto, sano (fatto con ingredienti naturali) e il più ambientale possibile. Vuole anche vedere i suoi progressi, grazie in parte al feedback perspicace di amici, familiari e clienti. Spinto dal desiderio di semplicità – come nella sua vita privata – si sforza di offrire prodotti creati senza compromessi.

READ  Villeneuve e Pironi: un documentario sulla loro rivalità

“Potrei non cambiare il mondo e potrei non essere perfetto ogni volta, lo so e va bene”, aggiunge. Ma abbiamo una visione molto chiara: siamo italiani e rimarremo in italiani. Non andremmo a fare salse barbecue o costolette per bambini, anche se ci chiedessero spesso. “

Il Trio di Vino Biologico di Stefano

Lo Chef propone da qualche anno un flirt con il mondo del vino. Se non era pronto in quel momento, la tonalità organica che voleva che i suoi prodotti gestissero e una collaborazione con Vins Arista lo hanno convinto a fare il lavoro.

“Non sono una gamba”, spiega. So cosa mi piace bere, quindi l’abbiamo preso da lì. Volevo anche distinguermi dagli altri. Volevo rilasciare varietà di uva che amo bere e trovare qualcosa di organico che abbiamo trovato. “

Accompagnato da Benoit Gosselin Piette, cantiniere di Vins Arista, lo chef ha immaginato tre vini biologici le cui miscele rimangono segrete. Un pinot grigio, un catarratto (un vitigno siciliano) e un nerello mascalese, un vino rosso vivo come piace a lui. Vino “Progettato per vivere in una drogheria” che si sposa perfettamente con i prodotti esistenti per completare la tavola italiana per eccellenza.

Il vino biologico Stefano Faita si trova nei negozi di alimentari di tutto il Quebec.

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *