Elezioni politiche italiane: “In Italia il centrodestra è diventato antieuropeo” assicura Enrico Letta

Dopo la Svezia, anche l’Italia si avvia a dare la maggioranza a una coalizione di estrema destra composta dal partito postfascista Fratelli d’Italia guidato da Giorgia Meloni, Forza Italia guidata da Silvio Berlusconi e La Liga di Matteo Salvini movimento. «Il centrodestra è completamente cambiato, oggi è una destra antieuropea, la stessa destra che in Francia è alleata di Marine Le Pen» spiega Enrico Letta. Per l’ex capo del governo italiano nel 2013, questa alleanza testimonia una porosità tra i valori della destra tradizionale e dell’estrema destra in Italia.

Questioni sociali, al centro di questa campagna

Già nel 2018 un’alleanza tra partiti di estrema destra e partiti populisti ed euroscettici aveva governato il Paese. All’epoca, la coalizione tripartita vinse il 37% dei voti alle elezioni legislative, prima di sciogliersi l’anno successivo.

l’Italia del Pd è un motore dell’integrazione europea in Europa e l’Italia di Giorgia Meloni è un freno, Enrico Letta.

Ma questa volta i due anni di pandemia e la guerra in Ucraina hanno accentuato i timori, e le paure degli italiani sul potere d’acquisto. “Il grosso problema è legato alle conseguenze di questa crisi, in termini di costi energetici, ed è sulle sue conseguenze che la destra italiana sta approfittando. Per questo è assolutamente necessario che l’Europa prenda decisioni, il più rapidamente possibile” indica Enrico Letta. Di fronte a questa “caduta verso l’estrema destra”, l’ex presidente del consiglio continua a sperare in una vittoria del Pd: “Abbiamo dieci giorni davanti a noi per lottare, per prendere le nostre idee su lavoro, diritti civili e ambiente. Su questi temi la destra ha un approccio totalmente negazionista, vuole tornare indietro. Cercheremo di influenzare queste voci e convincere gli elettori italiani”.

READ  EUROPA/ITALIA - "Essere ambasciatore è un po' come essere in missione", in memoria dell'Ambasciatore Attanasio ucciso in Congo

“Giorgia Meloni è un freno all’integrazione europea” secondo Enrico Letta

Il Partito Democratico Italiano, abbandonato dal Movimento 5 Stelle, si sta ora affermando come il principale oppositore di Giorgia Meloni difendendo l’Europa e sostenendo immancabilmente l’Ucraina. Per Enrico Letta, invece, la coalizione di destra, è vicina alla Russia, difende la sovranità dell’Italia e vuole mantenere le decisioni europee all’unanimità così come il diritto di veto. “Una lega di nazioni” vicino alla visione difesa da Viktor Orban in Ungheria e da Marine Le Pen in Francia. “Un’idea di Europa pericolosa dal mio punto di vista, dichiara Enrico Letta, l’Italia del Pd è in Europa un motore dell’integrazione europea e l’Italia di Giorgia Meloni è un freno”.

Guarda l’intero spettacolo sul nostro spazio di riproduzione

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.