Elezioni in Italia: preoccupazioni e domande a Bruxelles

In meno di un anno, le prime tre economie dell’Unione Europea hanno cambiato capi di Stato o di governo. Nel dicembre 2021, i tedeschi hanno eletto Cancelliere Olaf Schulz. Ad aprile i francesi restituiscono Emmanuel Macron all’Eliseo e il 25 settembre toccherà agli italiani eleggere un parlamento che nominerà il successore di Mario Draghi. Lo scienziato.

Tra la guerra in Ucraina, l’aumento dei prezzi dell’energia e un’incombente recessione, gli europei sarebbero andati bene se non fosse stato per la partenza dell’ex governatore della Banca centrale Mario Draghi alla guida dell’esecutivo italiano e queste elezioni ad alto rischio che aprono una nuova periodo di incertezza.

Se Giorgia Meloni sarà il prossimo presidente del Consiglio, come prevede la maggior parte dei sondaggi, “sarà la prima volta che l’estrema destra avrà la presidenza del Paese fondatore dell’Unione Europea”, osserva Sandro Gozzi. . Stiamo affrontando una guerra, una crisi energetica, una crisi alimentare globale e una crisi economica imminente. Un alto funzionario europeo ha affermato che il postfascista alla guida del governo italiano sarà un elemento aggiuntivo in questa serie di crisi brutali.

Quest’estate le istituzioni europee e le capitali degli stati membri hanno osservato con il massimo interesse la caduta del governo Draghi e l’inizio della campagna di Fratelli d’ L’Italia (postfascista) che si è alleata con la Lega (estrema destra) di Matteo Salvini e Forza Italia (a destra) di Silvio Berlusconi, potrebbe conquistare una netta maggioranza la sera del 25 settembre. La domanda per tutti è: dobbiamo prepararci a uno squilibrio di potere che prima o poi minaccerà la coesione dell’Unione Europea, o sarà possibile lavorare in modo costruttivo con il prossimo governo italiano?

READ  Heads of the SAP Qualtrics IPO Unit

‘Anti-Bruxelles, ma non anti-europei’

A pochi giorni dalle elezioni, il secondo scenario sembra probabile, anche se nulla è escluso. Giorgia Meloni, rendendosi conto che era una delle preferite, ha fatto un serio sforzo davanti agli ambienti economici italiani e ai partner internazionali per rassicurarli. Ha attenuato le sue critiche all’esecutivo di Bruxelles e sembra essere molto meno aggressiva di Salvini. Quanto alla Russia, si è mostrata più fedele alla linea del governo di molti sostenitori di Draghi e continua a proclamare i suoi impegni filo-atlantici. «Sarà un governo anti-Bruxelles, ma non anti-europeo», riassume Sebastien Millard, direttore dell’Istituto Jacques Delors, il quale afferma che l’euroscetticismo non è più così diffuso nell’opinione pubblica italiana come lo era qualche anno fa.

Anche sulle questioni economiche dovrebbe prevalere il pragmatismo, sperano gli europei. Da questo punto di vista, “l’Italia di Meloni non dovrebbe essere molto diversa da Draghi. Fratelli d’Italia sostiene politiche a sostegno degli investimenti e della modernizzazione dell’economia”, afferma Sandro Gozzi.

Il candidato di destra ha già annunciato la volontà di rinegoziare alcune delle condizioni legate agli aiuti concessi alla Roma (68,9 miliardi di euro di aiuti e 122,6 miliardi di euro di prestiti agevolati), in particolare i benefici concessi nell’ambito del piano di risanamento da 750 miliardi di euro , sebbene lo spazio negoziale sia ristretto. Nessuno si aspetta di vederlo smantellare le riforme attuate da Mario Draghi, in particolare la riforma della giustizia che le autorità europee invocavano da anni.

D’altra parte, se l’Italia si discosta da questa road map, potrebbero presto nascere forti tensioni. Il denaro promesso agli Stati membri nell’ambito del programma di rimborso viene pagato a rate quando vengono raggiunti gli obiettivi precedentemente negoziati. Ad oggi Roma ha ricevuto 36 miliardi di euro in sovvenzioni e 10 miliardi di euro in prestiti. Ci sono ancora più di 140 miliardi di euro in circolazione. Un diplomatico vorrebbe pensare che “ci saranno negoziati, otterremo qualcosa di simbolico dalle richieste di cambiamento, ma non cambierà molto”. Sul patto di stabilità nessuno si aspetta che Giorgia Meloni si discosti in maniera significativa dalle posizioni del suo predecessore, che chiedeva anche una ridefinizione delle regole.

READ  Dichiarazione dei ministri degli Esteri del G7 sulla selezione del capo dell'esecutivo di Hong Kong (09.05.22)

Il debito italiano ha raggiunto oltre il 150% del PIL, il che significa che il futuro premier non ha alcun interesse a rovinare i rapporti con Bruxelles, né rischia di vedere scendere i tassi di interesse sui titoli di Stato. I paesi italiani stanno salendo e minacciano nuovamente di frammentazione l’eurozona. “Melone è un pragmatico, che affronterà una doppia retorica: una cooperativa a Bruxelles e un nazionalista a Roma”, prevede Gozzi.

Rapporti più complicati con la Francia

D’altra parte, dice un diplomatico, “cercherà norme ideologiche e si troverà dalla parte dei valori e di tutto ciò che caratterizza le democrazie liberali”. Sullo stato di diritto, le libertà fondamentali, l’aborto, i diritti degli omosessuali, la parità di genere o addirittura l’immigrazione, Roma sarà senza dubbio più vicina alle posizioni dell’Ungheria o della Polonia. Si tratterà anche di questioni istituzionali, già divise 27.

Mentre gli europei hanno cominciato a pensare alla gestione delle istituzioni e soprattutto alla questione del ritorno al voto unanime in determinati ambiti, come la politica estera o la fiscalità, Meloni si opporrà “a tutto ciò che costruisce una dimensione politica a livello sovranazionale”, avverte Mr. Josè.

Un’altra area su cui potrebbe concentrarsi il confronto sono le relazioni con la Francia. Questo tema è tradizionalmente un segno forte della destra radicale italiana. Le relazioni bilaterali sembrano andare bene da quando Mario Draghi è entrato in carica nel febbraio 2021 e ha firmato il Trattato del Quirinale nove mesi dopo, le relazioni bilaterali appaiono meno rosee con un potenziale governo guidato da Fratelli d&Rescore Italia a Roma. Ciò può impedire in particolare ai due Stati latini, i cui interessi comuni non mancano, di equilibrarsi per controbilanciare l’influenza dei paesi nordici.

READ  In una carrozza trainata da cavalli a Roma, i turisti si muovevano secondo le condizioni dei cavalli: il mondo

Con le elezioni europee del 2024 alle porte, l’elezione di Giorgia Meloni preoccupa anche i principali partiti al Parlamento europeo. Gli italiani guidano il Conservative and European Reformists (CRE), che riunisce sovrani e destra radicale, e vorranno “concentrare il cambiamento europeo a livello ideologico”, secondo un diplomatico. Depuis des mois, le parti Fidesz de Viktor Orban, le parti Droit et Justice de Pologne, la Ligue de Matteo Salvini, ainsi que l’Assemblée nationale et Fratelli d’Italia de Marine Le Pen tentent de trouver un accordo per raggruppare le forze au Parlamento europeo. Non ci sono ancora riusciti, ma Giorgia Meloni potrebbe presto cambiare le cose. (Autori: Virginia Mallinger e Jerome Gautrett; Traduzione: Roxandra Lambro, Rador)

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.