El Niño è “morto”

El Niño è “morto”

La National Oceanic and Atmospheric Administration ha annunciato giovedì che il fenomeno El Niño, che provoca l’innalzamento delle temperature in alcune parti dell’Oceano Pacifico centrale, è terminato. Anche se non ha battuto tutti i record in termini di intensità, il fenomeno El Niño che si è formato un anno fa, insieme al cambiamento climatico causato dall’uomo e al riscaldamento generale degli oceani, è stato accusato di dodici mesi di ondate di caldo e condizioni meteorologiche estreme.

Oggi il mondo si trova in una posizione neutrale rispetto al fenomeno naturale dell’Oscillazione Meridionale del Niño (ENSO), che sta distorcendo i sistemi meteorologici in tutto il mondo. Parliamo di neutralità quando le condizioni meteorologiche sono vicine alle medie normali o a lungo termine, cosa che non si verifica così spesso come negli ultimi tempi, ha affermato Michele L’Heureux, fisico presso la National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) e capo previsione per il team ENSO dell’agenzia. Ha aggiunto che questo potrebbe non durare.

Ha detto che c’è una probabilità del 65% che La Niña, un raffreddamento nelle stesse parti dell’Oceano Pacifico che spesso ha effetti opposti, si formi nei mesi di luglio, agosto e settembre. Uno degli effetti principali di La Niña è quello di rendere più attiva la stagione degli uragani atlantici, che raggiunge il picco in agosto.

“Il potenziale per La Niña, unito alle temperature record della superficie del mare, è il motivo per cui il National Hurricane Center prevede una stagione degli uragani insolita”, ha affermato la climatologa dello stato della Carolina del Nord Kathy Dillow. Gli stati dal Texas al Maine si stanno preparando per un anno attivo.

READ  Star Wars: il famoso attore di questa serie di fantascienza è nella serie Ahsoka ma non l'hai ancora visto!

Sia El Niño che La Niña creano “potenziali punti caldi” per condizioni meteorologiche estreme, ma in luoghi e tipi diversi, ha affermato L’Heureux.

Ha osservato: “Il fenomeno La Niña porta a condizioni più secche negli Stati Uniti meridionali in inverno, e quando a questo si aggiunge il riscaldamento globale, quelle condizioni più secche possono trasformarsi in siccità”.

Questo perché i sistemi temporaleschi, soprattutto in inverno, si spostano leggermente verso nord a causa di uno spostamento della corrente a getto durante gli anni della Niña, portando più pioggia e neve verso nord, Happy Lady.

Anche se gli anni della Niña tendono ad essere più freddi, è probabile che la fine di El Niño abbia un effetto residuo sulle temperature globali, ha aggiunto L’Heureux. Ogni mese finora quest’anno ha battuto i record mondiali.

Un gruppo di 57 scienziati ha concluso all’inizio di questo mese che non più dell’8% del calore registrato lo scorso anno potrebbe essere attribuito a El Niño e ad altre fluttuazioni naturali. Il resto è dovuto ai cambiamenti climatici causati dall’uomo e alla combustione di carbone, petrolio e gas naturale.

Uno studio economico del 1999 ha dimostrato che la siccità causata da La Niña è costata all’agricoltura statunitense tra i 2,2 e i 6,5 miliardi di dollari, una cifra molto più alta di quella del El Niño (1,5 miliardi di dollari). Una corrente neutra di El Niño è la soluzione migliore per l’agricoltura.

Poiché El Niño è collegato agli uragani dell’Atlantico e alla siccità negli Stati Uniti, è ovvio che sarebbe complessivamente più costoso, ma ogni El Niño e La Niña sono diversi e i cittadini e i governi devono prepararsi ad affrontarli, ha affermato il meteorologo ed economista. Michael. Ferrari, direttore scientifico di AlphaGeo, società di investimenti finanziari e climatici.

READ  Presso l'ospedale privato Châtaigneraie di Beaumont è stato aperto un day-hospital per la cura dell'endometriosi

Il El Niño appena terminato “non ha battuto nessun record, ma probabilmente era tra i primi cinque”, ha detto la signora L’Heureux. Quest’anno l’uragano ha innalzato la temperatura generale e portato più umidità negli Stati Uniti meridionali, oltre a condizioni più secche in alcune parti dell’America meridionale e centrale. Il Corno d’Africa era più umido.

La combinazione delle temperature record degli oceani e del riscaldamento causato da El Niño ha portato a un massiccio sbiancamento a livello globale, minacciando e talvolta uccidendo le barriere coralline vulnerabili, affermano gli esperti di barriere coralline.

Prima di El Niño di quest’anno, il mondo ha vissuto due periodi consecutivi di La Niña, il che è insolito, ha detto la signora L’Heureux. Ha aggiunto che alcuni studi hanno dimostrato che il pianeta dovrebbe aspettarsi più eventi di El Niño e La Niña – e meno periodi neutri – man mano che il mondo si riscalda, ma la questione non è ancora chiara.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *