Economia | La produzione mondiale di vino è molto bassa nel 2021, a causa del clima europeo

Da La Provence (con AFP)

La produzione di vino dovrebbe essere nel mondo”Molto debole“In volume nel 2021, i tre principali paesi produttori europei – Italia, Spagna e Francia – hanno sperimentato condizioni meteorologiche sfavorevoli, giovedì, l’Organizzazione internazionale per la vigna e il vino (OIV). Al contrario, il 2021 è stato un anno”molto positivoPer i vigneti dell’emisfero australe, dopo una brutta annata 2020, ha indicato l’OIV nel corso di una conferenza stampa online.

In totale, la produzione mondiale di vino è stimata intorno ai 250 milioni di ettolitri”,Leggermente al di sopra della produzione storicamente bassa del 2017“Secondo le prime stime dell’organizzazione, il calo sarà di circa il 4% rispetto al 2020, quando il volume prodotto era già al di sotto della media.

Nell’Unione Europea, è la Francia che”Ha sofferto più di chiunque altro per gli effetti dell’alcol catastrofico“, con forti gelate ad aprile, seguite da piogge estive, grandinate e attacchi di peronospora, un fungo parassita, ha confermato OIV. Secondo produttore mondiale nel 2020 dopo l’Italia, dovrebbe passare al terzo posto, dopo la Spagna, per la prima volta da quando 2013. Questi paesi, che rappresentano il 45% della produzione mondiale, hanno perso circa 22 milioni di ettolitri rispetto al 2020.

La produzione italiana dovrebbe raggiungere i 44,5 milioni di ettolitri nel 2021, in calo del 9% anno su anno. La Spagna prevede di produrre 35 milioni di ettolitri (-14%). La Francia arriverà poco dopo, con 34,2 milioni di ettolitri (-27%). “Il volume di produzione più basso dal 1957Secondo il direttore generale dell’OIV, Pau Roca.

READ  I record risalgono al di sotto del milione

Bene invece la Germania, quarto produttore europeo, che ha incrementato la produzione del 4% a 8,8 milioni di ettolitri. Al di fuori dell’Unione Europea, la Svizzera, colpita dal maltempo, dovrebbe vedere la sua produzione calare del 10% a 0,8 milioni di ettolitri, il volume più basso degli ultimi 20 anni. Negli Stati Uniti la produzione è stimata in 24,1 milioni di ettolitri, in crescita del 6% rispetto al 2020, anno segnato dagli incendi.

Per quanto riguarda l’emisfero australe, possono avere un sorriso. La produzione di vino dovrebbe raggiungere la cifra record di 59 milioni di ettolitri, con un incremento del 19%. In Sud America il Cile ha prodotto 13,4 milioni di ettolitri (+30% in un anno), il più alto in 20 anni. Segue l’Argentina, con 12,5 milioni di ettolitri (+16%). Il Brasile ha registrato un balzo del 60% a 3,6 milioni di ettolitri.

Dal lato dell’Oceania, l’Australia ha visto la sua produzione aumentare del 30% a 14,2 milioni di ettolitri, il livello più alto dal 2006.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *