Ebola: un ceppo riemerso dopo cinque anni

Qual è la situazione epidemiologica in Guinea?

Tra il 2013 e il 2016, la Guinea è stata colpita da una grave epidemia che si è diffusa in diversi altri paesi. Questa è stata la prima volta che il virus Ebola si è diffuso al di fuori dell’Africa centrale. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha identificato 29.000 casi, inclusi più di 11.300 decessi. I miei colleghi ed io abbiamo seguito i pazienti precedenti che soffrono ancora di varie malattie. Alcuni possono tornare settimane o mesi dopo aver lasciato il centro di trattamento con dolore, mal di testa o disturbi visivi. Inoltre, alcuni di questi sopravvissuti soffrivano anche di depressione, soprattutto perché erano stati stigmatizzati e avevano perso il lavoro, gli amici e la famiglia. C’era una sorta di sfiducia in quelle persone sopravvissute a una malattia considerata fatale.

Poi nel gennaio 2021 è comparsa una nuova epidemia, con 23 casi, di cui 12 decessi. Si è conclusa a giugno.

Qual è il legame tra le due epidemie?

Abbiamo eseguito un’analisi genetica per determinare l’origine della nuova epidemia. Abbiamo eseguito il sequenziamento completo o quasi completo di 11 genomi. Il virus 2021 ha mostrato dieci mutazioni caratteristiche dell’epidemia 2013-2016. Quindi è possibile che il virus abbia avuto origine da un serbatoio umano piuttosto che da un serbatoio animale.

Inoltre, il virus del 2021 ha avuto da 10 a 12 nuove mutazioni. Dato che cinque anni separano l’epidemia, è davvero poco! Infatti, per sopravvivere, il virus invade le cellule del suo ospite e dirotta il macchinario per replicarsi. Ma i virus a RNA, come l’Ebola, sono molto instabili e i rischi di mutazioni durante la riproduzione sono molto alti. Con un tasso di riproduzione normale, il virus avrebbe avuto più mutazioni. Possiamo quindi escludere l’ipotesi che il virus si sia diffuso silenziosamente tra la popolazione per cinque anni, passando da un ospite all’altro. Tutto indica che era addormentato in un ospite, un paziente precedente o qualcuno che aveva avuto contatti con un paziente e non aveva sintomi. Quindi c’è stata una riattivazione del virus, che ha portato al suo riemergere.

READ  Scientifico: Science and Technology en vedette à MAtv

È una sorpresa?

Abbiamo appreso che il virus a volte persiste in alcuni fluidi (seme e latte materno) in ex pazienti. Il nostro follow-up e altri studi hanno riportato una persistenza fino a 500 o addirittura 700 giorni. Abbiamo anche osservato casi di riattivazione del virus durante l’epidemia 2013-2016 e in altri casi nella Repubblica Democratica del Congo.

Ciò che è eccezionale qui è la durata del letargo: cinque anni! Resta da capire perché il virus si riattiva. Attualmente stiamo lavorando sulla strada giusta: negli ex pazienti, la quantità di anticorpi contro il virus Ebola diminuisce nel tempo, consentendo ai depositi di virus dormienti di tornare attivi.

Quali sono le conseguenze dei tuoi studi?

Dobbiamo riconsiderare la politica sanitaria e il follow-up a lungo termine dei sopravvissuti. È inoltre necessario comunicare con la popolazione per evitare la stigmatizzazione degli ex pazienti. In particolare, una persona che è comparsa nella prossima epidemia può essere un paziente precedente, ma anche qualcuno che non sa di essere portatore del virus in letargo. È un problema globale, tutti sono coinvolti. Infine, è anche necessario sviluppare trattamenti in grado di eliminare il virus latente.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *