“È una cucina dal cuore e dalla famiglia.”

“È una cucina dal cuore e dalla famiglia.”

Con la recente apertura in centro città di diversi locali italiani, la gastronomia d’oltralpe sembra essere molto apprezzata. Sinonimo di cucina generosa e accessibile.


Benjamin Sawyer
21 aprile 2023 alle 20:13 | Aggiornato il 21 aprile 2023 alle 20:13

I deliziosi aromi della cucina italiana cominciano a permeare le strade di Valencia. Da qualche mese il centro della città vede spuntare qua e là nuovi locali dai colori dell’Italia. Piccola NapoliBoudin Street, è stata rilevata a febbraio, un anno dopo essere stata chiusa per liquidazione coatta amministrativa. Gelateria Gelateria Filoha aperto i battenti a marzo vicino a Place des Clercs.

“Quando vai in un ristorante italiano, ti sembra di non essere più a Valencia”

Le due organizzazioni si sono unite mercoledì 12 aprile GGPiazza della Repubblica. La catena non è finita poiché, secondo le nostre informazioni, è previsto a breve un nuovo ristorante italiano di fronte al Théâtre de la Ville, invece del Café de Valence. “L’Italia è popolare in questo momento!, esclama Ovidiu Ivorciuk, Presidente Piccola Napoli.

E troviamo, ovunque, lo stesso entusiasmo, lo stesso affetto per questa cucina ormai dominante nella gastronomia mondiale. ” Qui Dolce VitaGregory Bisio sorride dal negozio Gelateria Filo. Quando vai in un ristorante italiano, ti sembra di non essere più a Valencia. Nella tua mente, stai andando in vacanza. »

Gregory Pesio, ritorno all’infanzia. Il ricordo di una nonna che impastava a mano la sua pasta, e il ricordo dell’amore del nonno di Filomeno per il pistacchio e il gelato. “È una cucina del cuore, familiare, locale e non troppo costosa per la famiglia. Parliamo di una pizza, un piatto di pasta, che crea vicinanza. E questa è l’Italia. I Valentinoi sono stati formati anche nel riminese per lavorare “nel rispetto della pura tradizione italiana”.

READ  Conclusione della seconda edizione degli open day per la formazione professionale

Pizza, “può essere un prodotto salutare”

Un desiderio condiviso da Ovidiu Ivorciuc che, dal canto suo, formatosi come pizzaiolo al fianco di Jordan Thomas, è stato incoronato campione della pizza francese a Teglia nel 2011. Lo chef e sua moglie hanno mantenuto lo storico nome di Piccola Napoli Per non “confondere” i clienti. Anche la coppia ha scelto di restare fedele, con un menù composto da specialità transalpine.

“Tendiamo a pensare alla pizza come unta, soffocante e poco salutare”, analizza Roxana Ivorciuk. Ma se lavori in modo italiano, se usi prodotti freschi, può essere un prodotto sano. »

“un posto per tutti”

Questa improvvisa abbondanza di ristoranti italiani preoccupa i locali nati diversi anni fa? “Niente affatto”, ha spazzato via Johann, direttore di sala presso La Strada, che ha aperto Place des Clercs nel 2002. Abbiamo già i nostri clienti. »

A pochi passi, al GGIl manager Anthony conferma: “C’è spazio per tutti, soprattutto perché i locali non servono necessariamente la stessa cucina di GG – Menu che verrà cambiato ogni mese – o da Piccola Napoliche si concentrano su un’area.

“La cucina italiana è molto ricca, concorda Roxana Ivorciuc. Ogni ristorante specifico, ogni chef vi apporterà un piccolo tocco. Puoi assaggiare gli spaghetti qui e altrove, il gusto non sarà più lo stesso”.

Basta offrire a Valentinois una scelta, per riscoprirne il gusto sui loro piatti Dolce Vita.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *