E se François Legault si ispirasse a un altro modello tedesco?

Con il 37% delle intenzioni di voto, il CAQ di François Legault potrebbe conquistare quasi 80 dei 125 seggi dell’Assemblea nazionale. (Foto: La stampa canadese)

Analisi economica. Il primo ministro uscente François Legault loda spesso e giustamente il dinamismo del modello economico tedesco e del suo famoso settore manifatturiero. Il leader dell’Alliance Avenir Québec (CAQ) avrebbe anche un vivo interesse per il modello elettorale tedesco, facendo del Paese di Goethe una delle democrazie liberali più stabili e rappresentative al mondo.

Quebec – una delle più antiche democrazie a tenere elezioni dal 1792a quel tempo, nel Basso Canada – aveva anche un sistema politico molto stabile, ispirato al parlamentarismo britannico.

D’altra parte, si può seriamente mettere in discussione il carattere rappresentativo del suo sistema elettorale (come hanno fatto molti partiti politici nella storia del Quebec, ma hanno abbandonato il cambio di regime non appena sono saliti al potere), cioè un primo passato post-suffragio.

Secondo François Legault, questo problema “interessa solo agli intellettuali”. Questo non solo è sbagliato, ma sottovaluta anche il fatto che ogni cittadino vuole che la sua voce abbia davvero importanza.

Ecco alcuni numeri per capire questo problema.

Secondo l’ultimo sondaggio luce Per quanto riguarda le intenzioni di voto in Quebec (prese dopo il secondo dibattito tra i leader), il CAQ ha raccolto il 37% dei voti, seguito da Quebec Solidere (17%), Partito Liberale del Quebec (16%), Partito Liberale del Quebec (15% ) e il Partito conservatore in Quebec (15%).

Tuttavia, con queste intenzioni di voto, il partito di François Legault potrebbe accumulare quasi 80 dei 125 seggi dell’Assemblea nazionale.

Sono i due terzi dei collegi elettorali con poco più di un terzo dei voti, secondo le ultime previsioni del sito. QC125che produce analisi e previsioni elettorali.

READ  Verstappen è stato collegato a un caso giudiziario imbarazzante...

Dal canto loro, i Liberali, la Solidarietà e il PQ potrebbero conquistare rispettivamente 20, 10 e 3 seggi. Secondo le previsioni del Qc125, i conservatori guidati da Eric Douhmy potrebbero non vincere alcun seggio.

Come Jean-Pierre Charbonneau, Presidente Movimento Nuova Democrazia Un ex membro del PQ, il sistema elettorale del Quebec può creare due distorsioni.

distorsione

D’altra parte, i partiti possono essere sovra o sottorappresentati alla fine delle elezioni. Questo sarà, ad esempio, il caso di CAQ il giorno dopo le elezioni, il 4 ottobre. Sarebbe sovrarappresentato perché avrebbe un’ampia maggioranza nell’Assemblea nazionale, anche se 6 abitanti del Quebec su 10 non voterebbero a favore.

D’altra parte, il nostro sistema può far sì che un partito con la maggioranza dei voti finisca all’opposizione a causa della distribuzione dei seggi. Non accadrà lunedì. A dire il vero, questo scenario era più probabile quando il bipartitismo era la norma nella vita politica del Quebec, ad esempio ai tempi del duo PLQ-PQ.

In questo contesto, è bene prestare attenzione al modello elettorale tedesco, a cominciare da François Legault in un secondo mandato.

Nel 1949, quattro anni dopo la fine della seconda guerra mondiale, i tedeschi occidentali fondarono la Repubblica federale di Germania (RFG), una giovane democrazia liberale, mentre nello stesso anno la Repubblica democratica tedesca (RDT), una dittatura comunista sotto l’influenza di Mosca, è stato creato.

Tuttavia, per sviluppare il loro sistema elettorale, i tedeschi in Occidente sono stati quasi ispirati da ciò che era meglio fare al mondo.

Oggi, una Germania unita è una repubblica parlamentare sistema elettorale misto.

Ciò significa che la metà dei deputati viene eletta come in Quebec, con un voto di maggioranza che ottiene la priorità. L’altra metà è eletta con voto proporzionale.

Tuttavia, ogni cittadino tedesco decide in entrambe le modalità di voto. Quindi i voti vengono distribuiti per assegnare i seggi nel Bundestag (parlamento tedesco).

READ  La migliore qualità della vita in Italia: Milano sale nella top five

Fatto importante: un partito deve ottenere almeno il 5% dei voti a livello nazionale per poter sedere nel Bundestag.

Il sistema tedesco rende possibile la continuazione del sistema bipartitico, ma con pochi piccoli partiti, e cioè a sinistra oa destra dello schieramento politico. (Foto: 123RF)

Germania, bipartitismo e diversità politica

Il sistema elettorale tedesco dà risultati molto interessanti.

Questo sistema misto permette sempre di avere un sistema bipartitico, ma con pochi piccoli partiti, cioè a sinistra oa destra dello schieramento politico.

Ad esempio, l’attuale coalizione di governo in Germania è guidata dai socialdemocratici del cancelliere Olaf Scholz, insieme a Verdi e liberali.

D’altra parte, il Bundestag comprende anche molti deputati del gruppo CDU/CSU (conservatore), la seconda formazione politica più grande, ma anche dell’AfD (estrema destra) e Linke (estrema sinistra).

Questo sistema elettorale assicura stabilità e buona rappresentanza ai tedeschi, a differenza dell’Italia, i cui governi sono spesso eletti e sconfitti. Dall’istituzione della Repubblica nel 1946, L’Italia aveva 67 governise escludiamo la persona che è stata eletta il 25 settembre.

Fatto poco noto, anche l’Italia ha un sistema misto. D’altra parte, due terzi dei deputati sono eletti con il sistema proporzionale e solo un terzo con il sistema a maggioranza nominale.

Naturalmente, il Quebec non è obbligato ad adottare il sistema elettorale misto tedesco dall’oggi al domani.

Si può, ad esempio, ben immaginare un’equazione in cui il 25% dei deputati del Quebec sono eletti con la rappresentanza proporzionale e il 75% come avviene attualmente. Dopo alcune elezioni, se necessario, possiamo aumentare la percentuale al 50%, come in Germania.

Anche l’attuazione parziale di un sistema di voto proporzionale cambierebbe la nostra cultura politica.

Non solo il voto dell’elettorato sarà meglio rappresentato nell’Assemblea nazionale, ma questo cambiamento imporrà senza dubbio la creazione di coalizioni o alleanze tra i partiti, come già consente il nostro sistema politico, sia a livello federale che locale.

READ  Emmanuelle Desmazure: "Partecipa al benessere sociale del Milan"

Con cinque partiti politici (quattro dei quali sono praticamente collegati nell’intento di voto), il sistema del primo passato del posto del Quebec non ha più davvero senso.

Sta creando sempre più distrazioni elettorali, come vedremo ancora lunedì, a prescindere dalla vostra fedeltà politica.

Alcuni diranno che il Quebec è una democrazia stabile e che sarebbe pericoloso, anche avventato, cambiare le nostre tradizioni democratiche in questo modo.

La vecchia democrazia deve svilupparsi in Quebec

Dopo 230 anni di elezioni (nel Basso Canada e Quebec, dal 1867), la società del Quebec può certamente permettersi un po’ di audacia e fiducia nella sua cultura democratica esemplare nel mondo.

Ciò migliorerebbe la sua vita politica riguardo a questioni fondamentali come la lotta al cambiamento climatico, ad esempio.

Facciamo la domanda.

Trovi naturale che il CAQ, che probabilmente vincerà i due terzi dei seggi a Quebec City con più di un terzo dei voti, possa imporre ai Quebecer la sua strategia climatica poco ambiziosa, secondo la maggior parte degli specialisti?

Nel frattempo, almeno il 48% dei Quebecer – la somma delle intenzioni di voto QS, PLQ e PQ – vuole che facciamo di più per l’ambiente.

Negli ultimi anni, le fabbriche in tutto il Quebec sono state modernizzate traendo ispirazione dall’intelligente produttore o dal cosiddetto 4.0, un sistema di produzione inventato in Germania all’inizio degli anni 2010.

Questa strategia industriale in Quebec, guidata in gran parte dai governi liberale e CAQ, ha contribuito a rilanciare il nostro settore manifatturiero.

Anche un altro modello tedesco può contribuire al rilancio del nostro sistema elettorale.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.