due uomini processati a dicembre

Due uomini saranno processati a dicembre a Lille, sospettati di essere coinvolti nel furto di 22 biciclette della squadra italiana durante i Mondiali di ciclismo su pista a Roubaix.

Due uomini sospettati di essere coinvolti nel furto di 22 biciclette ai corridori italiani durante i Campionati del mondo di ciclismo su pista a Roubaix (Nord) sono stati presentati per l’immediata comparizione in tribunale venerdì, che ha dato loro il tempo di preparare la loro difesa.

Rischiano fino a 7 anni di carcere

Gli imputati, che rischiano fino a sette anni di reclusione, sono detenuti in attesa dell’aggiornamento dell’udienza del 10 dicembre alle 14 davanti al tribunale penale di Lille. Arrestati mercoledì mattina a Besançon (Doubs), secondo un comunicato della polizia giudiziaria, sarebbero sospettati di essere collegati al furto di 22 biciclette della squadra italiana di ciclismo su pista nella notte tra il 22 e il 23 ottobre durante i Mondiali di Roubaix.

Secondo la Direzione Dipartimentale della Pubblica Sicurezza (DDSP), il danno è stimato in 400.000 euro. La Federazione Ciclistica Italiana è stata “sorpresa” e “scioccata” da “quello che è successo”, “un grande disastro”, ha detto venerdì in udienza il suo avvocato, Me Dominique Bellengier.

Le perquisizioni delle rispettive abitazioni degli imputati a Lille e Lomme, di cui una occupata abusivamente, hanno permesso di ritrovare effetti e attrezzi trafugati durante i fatti, nonché “il furgone utilizzato dai malviventi, ritrovato in un giardino di Lomme”, ha detto il DDSP all’AFP.

Presumibilmente hanno rubato le bici dal camion tecnologico

“Carta da regalo con il logo della Federazione Ciclistica Italiana” è stata trovata durante le perquisizioni dei “vari punti di caduta” dei due uomini, dal canto suo ha affermato il PJ. Secondo lei, il furto è avvenuto mentre “le moto erano nel camion tecnico parcheggiato nel parcheggio dell’hotel dove la squadra si era stabilita dopo la gara” a Marcq-en-Baroeul. “Hanno trascurato la raccomandazione di lasciare le moto, fino alla partenza, al velodromo”, si è rammaricato la polizia.

READ  Tour de France: la maglia gialla passa sotto bandiera italiana per 5 anni

Il 29 ottobre, “21 biciclette sono state trovate dalle autorità rumene, che hanno anche effettuato quattro arresti”, ha ricordato PJ. I due accusati, “un francese di origine bosniaca di 18 anni e un bosniaco di 20 anni”, entrambi “noti alla polizia per furti multipli e occultamento di furto”, “hanno riconosciuto il loro coinvolgimento nel volo senza fornire ulteriori dettagli su possibili sponsor” .

Tra i furti c’erano bici da pista e da strada, tra cui alcune del fenomeno del team Ineos, Filippo Ganna, che colleziona titoli e vittorie in pista, oltre che a cronometro su strada.

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *