Due uomini processati a dicembre dopo il furto delle moto della squadra italiana

Due uomini sospettati di coinvolgimento nel furto di 22 biciclette ai corridori italiani durante i campionati del mondo di ciclismo a Roubaix (Nord) sono stati immediatamente comparsi in tribunale venerdì, dando loro il tempo di preparare la loro difesa.

Gli imputati, che rischiano fino a sette anni di carcere, sono trattenuti in attesa del rinvio dell’udienza del 10 dicembre alle 14 davanti al tribunale penale di Lille.

È stato arrestato mercoledì mattina a Besançon (Dobbs), secondo un comunicato diffuso dalla polizia giudiziaria, con l’accusa di essere collegato al furto di 22 biciclette della squadra italiana di ciclismo nella notte tra il 22 e il 23 ottobre durante i Mondiali a Rubix.

Secondo la Direzione dell’Amministrazione della Pubblica Sicurezza (DDSP), il danno è stimato in 400.000 euro.

Era la Federazione Ciclistica Italiana”Sorpresa” E “scioccato” attraverso “Che è successo“,”grande disastro“, ha detto venerdì in udienza il suo avvocato, Me Dominique Bellengier.

Le perquisizioni nelle abitazioni degli imputati a Lille e Lom, una delle quali occupata abusivamente, hanno permesso di ritrovare antichità e attrezzi trafugati durante i fatti, oltre che”Il camion usato dai teppisti, trovato in un parco a LomLo hanno detto i socialdemocratici all’Afp.

«Carta da regalo con marchio Federazione Ciclistica ItalianaTrovato durante le ricerche.Vari punti di cadutaDei due uomini, da parte sua, ha confermato PJ.

Secondo lei, il furto è avvenuto in quel momento.Che le moto erano nel furgone tecnico parcheggiato nel parcheggio dell’hotel dove risiedeva la squadra dopo la gara.» A Marcq-en-Baroeul.

«Hanno trascurato la raccomandazione di lasciare le moto, fino alla partenza, in pista“Mi dispiace per la polizia.

READ  Barcellona: Aguero non è altro che una trappola, l'attaccante stella dei blaugrana è lui!

il 29 ottobre”Le autorità rumene hanno trovato 21 biciclette e ne hanno arrestate quattro“,” citato in PJ.

quelli coinvolti”18enne-francese-bosniaco e 20enne bosniaco“, Entrambi “Ampiamente noto alla polizia per rapine multiple e furti di occultamento“, Hai “Hanno ammesso il loro coinvolgimento nel furto senza fornire ulteriori dettagli sui potenziali sponsor».

Tra i beni rubati c’erano le bici da pista e da strada, tra cui alcuni del fenomeno del Team Ineos, Filippo Gana, che collezionano titoli e vincono in pista, così come nella cronometro su strada.

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *