Due svizzeri nel miglior campionato di pallavolo del mondo

Jovan Djokic lo ammette facilmente: non è sicuro se si renderà conto di quello che gli sta succedendo. Il 27enne pallavolista ginevrino giocherà la prossima stagione nella Super League italiana. Nel suo sport è l’equivalente del calcio della Premier League inglese, la North American Basketball League, insomma è il miglior torneo del mondo, “di gran lunga”, che lui definisce alla fine della fila. “Per me, giocare era il mio sogno d’infanzia”.

È stato annunciato che l’ala della VBC Chênois si trasferirà mercoledì al Powervolley Milan. Una settimana dopo l’arrivo di Luca Ulrich (24) da Schönenwerd al Porto Robor Costa, club ravennate. Alcuni giocatori svizzeri hanno giocato professionalmente all’estero in passato: Cedric Huminal in Francia, Joel Bruschweiler in Germania e Reto Geiger in Polonia. Ma nel primo tratto d’Oltralpe non ce n’era uno. Saranno due in appello.

Coincidenza o movimento di fondo? “Stiamo parlando di due dei migliori giocatori di pallavolo del paese, e ovviamente c’è una parte che dipende dal destino individuale di ciascuno di loro, ammette Anne-Sylvie Monet, responsabile degli sport di prestazione presso Swiss Volley. Ma un molto lavoro è stato fatto a livello di successione e selezione nazionale. E anche questi trasferimenti dimostrano che sta iniziando a pagare”.

peso dell’allenatore

Jovan Djokic afferma: Accoglie con favore il dinamismo collettivo che è stato messo in atto alcuni anni fa all’interno della federazione. La nazionale svizzera, uno dei suoi pilastri, è salita dagli abissi della classifica mondiale al 47° posto grazie a maggiori risorse finanziarie, personale ampliato e maggiore professionalità. “Siamo davvero nella posizione migliore per andare avanti”, afferma. Ci avviciniamo a una qualificazione storica per un torneo importante! “

READ  Gianni Moscon cambia la squadra

Nati, che non ha mai partecipato alle Olimpiadi o ai Mondiali, è andato vicino a vincere un biglietto per Euro 2021. “Sono passati quattro anni prima che abbiamo ottenuto buoni risultati e guadagnato rispetto sulla scena internazionale, nota un giovane. La gente è poter viaggiare all’estero per rafforzarsi. È un ulteriore passo nello sviluppo della disciplina”.

Mario Motta lo sapeva da anni. L’italiano, che è stato vice allenatore del suo Paese alle Olimpiadi del 2008 (4° posto), guida la Svizzera dal 2017 e non ha mai smesso di spingere i suoi elementi migliori verso tornei di rango superiore rispetto alla Lega Nazionale A. Rapporti con i coetanei, ma anche con agenti. Come ha fatto Martina Voss-Tecklenburg, ex allenatrice tedesca della squadra di calcio femminile svizzera, quando ha fortemente incoraggiato i suoi compagni ad entrare in Bundesliga: sapeva che era nell’interesse della sua squadra.

caso di sostituzione

“Una volta arrivato, Mario mi ha detto che dovevo assolutamente partire”, ricorda Jovan Djokic. Dopo quattro anni, finalmente ho avuto l’opportunità”. Swiss Volley si rallegra del fatto che l’abbia catturata. “L’abbiamo visto nella squadra femminile svizzera: i mercenari portano un diverso livello di rigore e un altro dinamismo al gruppo”, afferma Anne- Sylvie Monet, persone che sono disposte a uscire dalla loro zona di comfort e vedono la pallavolo come la loro professione piuttosto che come un hobby redditizio al di fuori della scuola.

lato femminile:
“I miei giocatori sono campioni del mondo a memoria”

Questo non è necessariamente scontato. Poiché la reputazione dei pallavolisti svizzeri deve ancora concretizzarsi, non possono rivendicare enormi contratti. Jovan Djokic spiega che “in termini di stipendio, in Italia andrà un po’ meglio, ma c’è una differenza soprattutto nella copertura delle spese di alloggio, viaggio, vitto e assicurazione”, che quindi ritiene di poterlo fare” mettere da parte un po’ di soldi”. Spera soprattutto “di mettersi alla prova e di meritare un contratto migliore”. Lì, non ha negoziato molto quando gli è stata presentata una proposta. “Ho detto che era un sogno d’infanzia. Volevo assolutamente firmare”.

READ  Juventus/Roma: su quale canale seguire in diretta la partita di domenica?

Atteso per il 22 agosto a Milano, trascorre alcune settimane prima di un’intensa preparazione fisica poiché deve anche incorporare lo stile di vita rude che richiede il meglio dei campionati mondiali. Nella sua posizione, sarà il primo sostituto dietro a Two Stars, ma gli è già stato detto che avrà la sua occasione. Non chiedere di più.

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *