Dopo il Qatar, il tema della corruzione al Parlamento europeo si è allargato al Marocco

“Mamma, ma come facciamo a restituire tutti i regali da[Abderrahim] Atmon “diplomatico marocchino? La domanda è stata posta da Silvia Panzeri, figlia di Per Antonio Panzeri, ex deputato europeo, arrestato il 9 dicembre in Belgio in un caso di corruzione legato al Qatar, e ora al Marocco. Parla la giovane a sua madre, Maria Dolores Colleone.Con i loro mariti e padre, risiedono in uno degli hotel più lussuosi di Marrakech, La Mamounia.L’ex funzionario eletto apre una bottiglia.La cornice è impostata da quotidiano La Repubblica, in un articolo pubblicato il 16 dicembre che descrive i “favori” del Paese maghrebino al “caro amico” Panziri. I motivi di questi festeggiamenti sono sconosciuti, così come la data dell’episodio.

Mamounia sarebbe anche il luogo in cui il politico italiano ha invitato i suoi colleghi parlamentari e altri aiutanti. Secondo gli inquirenti belgi, il Marocco avrebbe cercato di influenzare le istituzioni europee, in particolare per limitare il più possibile il loro sostegno al Fronte Polisario, il movimento politico e armato rivale nel Sahara occidentale con sede a Rabat. Il regno si sarebbe affidato all’uomo che fu al centro dello scandalo del Qatar, Pierre Antonio Panzeri, membro della delegazione del Parlamento europeo per i rapporti con i Paesi del Maghreb durante il suo secondo e ultimo mandato, tra il 2014 e il 2019 Nome obsoleto, è nata in Marocco.

Leggi anche: Eva Kaili è indagata dalla Procura della Finanza per “corruzione” in Grecia

Il Sahara occidentale è in gioco

Pertanto, secondo il quotidiano, l’ex squadra del gruppo dei Socialisti e Democratici europei sarà un “burattino nelle mani dei servizi segreti di Rabat” per più di un decennio. Il sole 24 ore. La lettera del 2012, rivelata qualche anno dopo durante la fuga di documenti riservati, indica che un diplomatico marocchino coinvolto in una missione a Bruxelles doveva informare il suo ministro degli Esteri degli incontri con l’eurodeputato Panziri. Questi stessi documenti dimostreranno come gli italiani avrebbero potuto aiutare il Marocco a scambiare file con l’UE in materia di pesca e agricoltura. “Gli accordi erano basati sullo sfruttamento del Sahara occidentale, anche se è una regione autonoma del Marocco”, scrive il quotidiano Business.

READ  Gli scrittori perduti alla radio

“Se il Marocco ha ragione, non ha bisogno di rovinare nessuno”, ha detto Fatima Mahfouz, rappresentante del Fronte Polisario in Italia, in un’intervista all’agenzia di stampa Adnkronos. L’anno scorso, la Corte di giustizia europea ha annullato questi accordi tra l’unione e la monarchia. “È stato dimostrato che se qualcuno vuole fare affari con il Sahara occidentale, soprattutto nel campo della pesca, non dovrebbe andare in Marocco”, continua il rappresentante.Riferendosi allo scandalo scoppiato più di una settimana fa, conclude Fatima Mahfouz , il fatto che ci siano pressioni per tentare di eludere questa sentenza non è una buona notizia se le accuse saranno confermate.

Leggi anche: Qatargate: Eva Kylie “non sapeva che ci fossero soldi” in casa sua

“Mio caro amico marocchino”

Queste pressioni politiche risalgono a più di dieci anni fa, ha detto La RepubblicaIl rappresentante europeo eletto, Pierre Antonio Panziri, stava organizzando un viaggio a Tindouf, città algerina vicino al Sahara occidentale e sede del Fronte Polisario. Una simile visita di un parlamentare di Bruxelles avrebbe dovuto preoccupare Rabat. Al contrario, questo viaggio “in territorio nemico” avrebbe potuto essere coordinato con le autorità marocchine per confermare la neutralità della persona che di fatto era il loro “tutore”. Pertanto, le due parti sono già in contatto per “promuovere l’immagine del Marocco”, afferma il giornale. Due anni dopo, una trascrizione diplomatica riservata identifica l’italiano come un “caro amico del Marocco”.

L’inchiesta belga non ha ancora determinato l’entità della corruzione marocchina dell’ex funzionario eletto. Ha già rivelato che movimenti finanziari, in particolare dal Qatar, sono passati attraverso i conti della Ong Fight Impunity, creata da Pier Antonio Panzeri dopo la fine del suo ultimo mandato, nel 2019. Inoltre, a Bruxelles sono stati sequestrati 600.000 euro. Sistemazione il 9 dicembre da parte degli inquirenti. Le confessioni del suo ex assistente Francesco Giorgi, arrestato lo stesso giorno, hanno permesso di ricostruire l'”organizzazione criminale” volta ad influenzare il Parlamento europeo: dopo i suoi contatti marocchini all’inizio dello scorso decennio, Pierre Antonio Panziri aveva deceduto. 2019 “Accordo segreto con l’intelligence marocchina” grazie al mediatore dell’ambasciatore marocchino in Polonia, Abderrahim Atmon.

READ  Corsica: il processo di pulizia dei biomedia e dei rifiuti dagli impianti di trattamento delle acque reflue

Leggi anche: “Spionaggio” al Parlamento europeo: “Che scandalo, non ne avevamo bisogno!”

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.