Domé Maestrate, discreto artigiano del cinema documentario in Corsica

Domi Maestrati ha recentemente diretto due film, uno sui rapporti di Garibaldi con la Corsica, e l’altro è un meraviglioso ritratto di una famiglia rumena deportata ad Auschwitz-Birkenau, protetta dal boia nazista Mengele, che è stata acquistata dalla Disney per il Sudamerica.

Dom mistrate, che è il nome che viene calcolato in cinema corso, da Jill Riacquistu, attore d’avventura Sinemassoci, madre del cinema isolano. In origine regista fantasy, ricordiamo, tra gli altri film In Catalogna, in cui interpretava Alan Cooney, Demi Maestrate è stata trasformata nel documentario. Le sue recenti produzioni su Garibaldi e la famiglia Ovitz hanno attirato l’attenzione, incontrando un creatore prolifico ed estremamente cauto sulla scena cinematografica isolana.

Ad Arte Mare è stato presentato il tuo documentario sul rapporto tra Garibaldi e la Corsica. Perché questo interesse per il padre dell’unità d’Italia?

Nel 2007, un libro di Marie-Jean Vincigera è stato pubblicato in Corsica da Éditions Alain Piazzola: Garibaldi, Campione del Mondo. L’ho letto con interesse. Quello che era originale era l’inventario, il censimento che Marie-Jean Vincigera fece di tutti i Corsi che si trovavano fianco a fianco con eroi, amici o nemici. L’autore ha affrontato anche il rapporto che Garibaldi intrattenne con la Corsica, tra fascino, chiarezza e idealismo. Solo quando ho trovato il libro nella mia libreria 4 anni fa e dopo averlo riletto ho deciso di realizzare il documentario.

Il destino di Garibaldi è vicino alla tua famiglia?

Rileggendo questo libro mi è rimasto impresso un nome, un nome destrorso che lo affianca da oltre 40 anni, come lo chiamava Garibaldi: “Il mio indiviso compagno”, Corso-Sarde “Gioan-Batti Culiolo Consultando il mio albero genealogico, trovo il pedigree Madre alla mia bisnonna: Maria Domenica Collioli, sorella di Jovan Andrea (detto “Yo Barbuto de Chera”, poeta e cantante), poi al mio bisnonno Jovan Battista Collioli! il cugino di quest’ultimo, Corso-Sardi Jeewan Patty!

Solo dopo aver lasciato questo paese e essersi stabilito a Chera dopo diversi anni è stato ritrovato negli atti di San Martinu (l’odierna Sotta) registrato come Culioli! Gabriel Colonilo mi ha dato un’ulteriore precisazione: 4 Furono i fratelli Cololilo che lasciarono Surboda per scendere a vivere stabilmente nello Shira. Dopo una lite tra i fratelli, uno di loro, il padre di Joan Bate (Corso Sardegna) lasciò la Corsica per stabilirsi a La Maddalena

Il passaggio da Culiolo a Culioli riguardò solo coloro che abitavano in Corsica, e il fratello che si stabilì in Gallura manterrà il nome originario nella “o”.

Maestrate e Garibaldi, stesso combattimento?

Mio padre mi diede una copia di una legge ufficiale che legava il carattere di Maestrate e l’Italia. L’ho conservata nei miei archivi e, senza più preoccuparmene, trovo una copia della legge del 1870: con il congedo di Bonaventura dall’esercito italiano compare anche lo stato dei suoi servizi. E capì che Bonaventura faceva parte della campagna risorgimentale con Garibaldi! Tornando ai miei archivi, ho la conferma che questo Bonaventura è il cugino del mio trisavolo Giovanni Maestrate!

Da parte materna ho un cugino che era il migliore amico di Garibaldi, e da parte paterna un altro cugino delle “Camicie Rosse”.

Appare chiaro, quindi, che il legame tra alcuni corsi e il “gesto” garibaldino fosse forte e che questi abbiano avuto accesso al romanzo postumo di Garibaldi “Manlio”, di cui una parte importante è dedicata alla Corsica. Cosa fare del rapporto della Corsica con Garibaldi e del rapporto di Garibaldi con la Corsica.

La famiglia Ovitz è al centro del documentario

Per grazia del diavolo Racconta ora il destino di una famiglia ebrea romana che il boia Mengele ha salvato dai campi di concentramento. Come hai trovato questo argomento?

Agosto 2012, sono a Piatra Neamt nel nord-est della Romania. leggi settimanalmente, Formato in . Lì è stata presentata la famiglia Ovitz: 10 figli, con un padre nano e una madre di altezza normale. 7 di loro, ereditando la disabilità del padre, fondarono l’orchestra jazz Kleismer, La Compania Lilliput. L’articolo evoca la dimensione tragica del loro viaggio: l’antisemitismo, la deportazione ad Auschwitz-Birkenau, l’uso di Mengele come cavie, i russi che liberano il campo, il ritorno al villaggio, di nuovo di fronte all’antisemitismo e l’uscita dalla Romania. , restano ad Anversa, poi Aliyah con l’installazione finale ad Haifa, dove riprendono la loro seconda carriera! Mi ha commosso scoprire il loro straordinario destino, con una vera dimensione epica e romantica, quando la vita di un gruppo attraversa una grande storia ed emerge forte e vittoriosa.

Un destino sorprendente non menzionato in precedenza al cinema?

Ho cercato un film che sarebbe stato dedicato a loro, e non ho trovato altro che un’intervista di una ventina di minuti, girata dalla televisione tedesca nel 1999 con Perla Ovitz, l’unica sorella ancora in vita al momento. Ho usato alcune clip di questa intervista, che ora sono depositate allo Yad Vashem. Avendo dedicato 7 anni e 5 mesi della mia vita a questo documentario, mi sono reso conto che al di là dell’apparente semplicità, gli argomenti trattati – antisemitismo, deportazione, cavie, sindromi di Stoccolma o isolamento, colpa, resilienza – non sono così semplici. Quindi non sorprende che nessun altro documentarista abbia mai affrontato la coniugazione di questa famiglia!

Per grazia del diavolo È stato un percorso pieno di insidie ​​per finanziarlo?

Sì, infatti, con questa sceneggiatura, che ha scritto insieme all’eccellente sceneggiatore belga Stefan Mickel, abbiamo pensato che non avremmo avuto problemi a trovare un’ancora. No, nessun canale televisivo ha voluto interferire con la coproduzione! Il CNC ci ha persino deluso, poiché con una TV molto piccola (Télé-Bocal) come coproduttore, il coproduttore Injam è stato in grado di raccogliere solo la metà dei finanziamenti! Le loro argomentazioni dettagliate erano che non potevano finanziare lo stesso film due volte! Perché eravamo in un panel in cui è stato presentato anche il progetto di Michael Sims, Ippocrate negli inferi. Se il suo documentario di alta qualità solleva decisamente la questione dei medici della morte, non sta affatto parlando della famiglia Ovitz! Così abbiamo prodotto e realizzato Per grazia del diavolo, solo con l’aiuto della Collectivité de Corse! Qui, vorrei ringraziare i membri del Comitato tecnico per essere stati audaci nel loro sostegno.

Per grazia del diavolo È stato acquistato da molte emittenti, anche straniere?

Presentato da France Télévisions Distribution tramite Stella e trasmesso, France Télévisions Distribution lo ha incluso nel catalogo di vari mercati cinematografici, posizionandolo al primo posto tra questi documentari. Le vendite in Francia, Belgio, Polonia, Finlandia, Slovacchia e soprattutto Disney Films sono state seguite da diritti di sfruttamento esclusivi in ​​Sud America! È una grande vendetta per questo film delicato e controverso!

Lei è un pilastro storico del cinema corso, a cominciare da Sinemassocci, come giudica lo sviluppo di questo cinema e della scena audiovisiva corsa?

Questa generazione di Sinemassocci, con Noëlle Vincensini, Anne Albertini, Dumè Gambini, Dominique Tiberi, Marie-Jeanne Tomasi, Elsa Chabrol, Jean-Simon Peretti e io e la coda della cometa Gabriel Le Bomin, hanno spianato la strada e creato dal nulla Un’espressione cinematografica solitaria, per non parlare dei tecnici come Michel Tomasi o Antoine Bonfante che ci hanno accompagnato. Non si può parlare di Riacquistu, ma di acquisizione tanto se la Corsica fosse stata precedentemente luogo di riprese e se i corsi si fossero distinti come registi o produttori, lo avrebbero fatto al di fuori di Elle. Per la prima volta, Gilles ha voluto innovare e vivere in Corsica. Da allora c’è stato un aumento di produzioni e registi, soprattutto grazie al curriculum universitario.

Come giudica lo sviluppo del cinema corso e della scena audiovisiva corsa?

So cosa possono essere fragilità, lavoro, speranza e delusione per un regista o un regista quando è un atto di creatività, quindi starò attento, come creatore, a non dare opinioni pubbliche. Negativo in tutti i miei colleghi, perché le ferite narcisistiche che i critici a volte producono richiedono così tanto tempo per guarire. Tuttavia, se c’erano errori tra i registi della nostra generazione, nella nostra espressione artistica e cinematografica, c’era sostanza e significato! Nel 1983, il primo cortometraggio di Mary Jane Tomasi, ava pasta, è una forza contro la società corsa, come il mio cortometraggio Dall’altra parte dello specchio Nel 1990! Tra gli ultimi film corsi che ho visto, uno cerca ancora invano la stessa forza artistica e lo stesso interrogarsi.

i tuoi progetti?

Ho firmato un film sulla Corsica e la muratura con Via Stella e sto aspettando che venga convalidato dal CdC. Ho anche una disponibilità, con il mio amico Jean-Paul Luciani, l’intimo Napoleone di Sant’Elena, attraverso gli occhi di due donne, la sua amante francese e un giovane adolescente inglese, lontano dall’immagine di un grande uomo. Negli anni successivi, fu l’immagine dell’ajusshi che salvò tre ebrei belgi durante la seconda guerra mondiale e rifiutò ogni discriminazione, considerando normale ciò che aveva fatto. Produci un documentario per il mio amico Jean-Michel Robers, dedicato al soggiorno in Corsica di Gustave Flaubert, e siamo in attesa di un accordo con un’emittente. Voglio rimanere un artigiano che crea imprese e non un industriale che produce prodotti.

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *