Dolcificanti: Attenzione

Dolcificanti: Attenzione

protezione. L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha avvertito che i dolcificanti artificiali – gli onnipresenti sostituti dello zucchero – non aiutano a perdere peso e possono comportare rischi per la salute a lungo termine. I risultati di una revisione sistematica delle prove disponibili “suggeriscono che l’uso di questi dolcificanti senza zucchero non conferisce un beneficio a lungo termine nella riduzione del grasso corporeo né negli adulti né nei bambini”, ha affermato una dichiarazione dell’OMS (15 maggio). Aggiunge che questi dolcificanti artificiali possono avere “potenziali effetti avversi” legati al loro uso a lungo termine “come un aumento del rischio di diabete di tipo 2, malattie cardiovascolari e mortalità negli adulti. Sostituire gli zuccheri con questi “dolcificanti” non aiuta a controllare il peso A lungo termine Le persone dovrebbero prendere in considerazione altri modi per ridurre l’assunzione di zuccheri liberi, ha affermato Francesco Branca, direttore della nutrizione e della sicurezza alimentare dell’OMS, come mangiare cibi che contengono zuccheri naturali, come la frutta, o cibi e bevande non zuccherati. sia chiaro, i dolcificanti gratuiti dello zucchero non sono un nutriente essenziale e non hanno alcun valore nutritivo. “Le persone dovrebbero ridurre del tutto la dolcezza [le sucré, ndlr] della dieta, a partire dall’inizio della vita, per migliorare la propria salute”. questa raccomandazione è valida per l’uso nei prodotti di consumo e in quelli venduti separatamente dagli alimenti “dolciumi”. La raccomandazione è valida per “tutti tranne gli individui con diabete preesistente”, come definito dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Tuttavia, alcuni esperti di nutrizione hanno sottolineato i limiti di questo lavoro, che si basa in gran parte su studi osservazionali che non consentono un collegamento diretto tra edulcoranti e controllo del peso. Così, secondo Pre Nita Forouhi, dell’Università di Cambridge, “l’uso di dolcificanti può far parte dei mezzi di controllo del peso a breve termine”. “La cosa fondamentale da ricordare è che per la gestione del peso a lungo termine e per condizioni croniche come il diabete di tipo 2 e le malattie cardiovascolari, i dolcificanti non sono raccomandati”, ha spiegato il ricercatore a Science Media. Va notato che il metodo di calcolo del Nutri-Score, le etichette alimentari imposte in Francia e in altri paesi europei, cambierà dalla fine del 2023 alla raccomandazione inferiore per le bevande contenenti edulcoranti.

READ  Filtra gli inquinanti onnipresenti nell'acqua con le piante autoctone

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *