Divertente fiera della scienza a Kahnawà:ke

Divertente fiera della scienza a Kahnawà:ke

Ogni anno a Kahnawà:ke, una comunità Kanien:keha’ka sulla costa meridionale di Montreal, gli studenti presentano i loro progetti a una fiera della scienza organizzata dal Kahnawà:ke Education Center (KEC).

Per più di 15 anni, Cathy Walsh, consulente del curriculum scientifico di KEC, ha supportato gli studenti delle scuole di tutta la comunità mentre preparavano progetti nelle settimane precedenti la fiera annuale. Quest’anno, lei e Mia Bordeaux, responsabile dei collegamenti per i progetti scientifici di Knowledge City, si sono avvalse dell’aiuto del Science Outreach Office della McGill per portare gli studenti della McGill in classe come mentori.

Da sinistra a destra: Mia Bordo, responsabile dei progetti scientifici del Kahnawà:ke Education Center (KEC), Kathy Walsh, consulente del curriculum scientifico del KEC, e Isabelle Sarti, dottoranda in Neuroscienze della McGill UniversityFacoltà di Scienze Facoltà di Scienze

“Il fatto che gli studenti della McGill venissero nelle nostre scuole per sedersi con i nostri studenti e supportarli nello sviluppo di domande STEM non solo ha aiutato i nostri studenti a completare i loro progetti per la fiera della scienza, ma ha anche introdotto i nostri studenti ai diversi campi STEM della McGill e ha dato loro l’opportunità “. Per incontrare gli studenti della McGill che amano le materie STEM”, ha detto Walsh.

Nelle settimane che hanno preceduto l’Expo di quest’anno, otto studenti della McGill University del Physics Outreach, Chemistry Outreach e BrainReach, un programma di sensibilizzazione del Programma di Neuroscienze Integrate, hanno partecipato a “club di mentoring” all’ora di pranzo in due scuole elementari di Kahnawà:ke e una scuola superiore. scuola . scuola. I mentori e altri due studenti volontari sono stati anche giudici della fiera di quest’anno, alla quale hanno partecipato più di cento studenti di quinta, sesta, ottava e decima elementare provenienti da tutta Kahnawà:ke.

READ  Ituri: a Mombasa sono stati registrati più di 1.500 casi di morbillo in 4 mesi

Per Jackie Farrell, responsabile del programma di divulgazione scientifica della McGill, il fatto che gli studenti della McGill condividano la loro passione per la scienza e lavorino con le comunità per soddisfare le loro esigenze è parte integrante della missione dell’Office of Science Outreach.

“Quando gli studenti che amano esplorare la scienza si uniscono, nascono progetti straordinari”, ha affermato Farrell.

I vincitori del primo posto in ciascuna categoria alla Fiera dell’Economia di Quebec City avanzano alla Fiera della Scienza Indigena del Quebec (QISF), iniziata nel 1998. La Fiera della Scienza Indigena del Quebec è organizzata ogni anno dalla Quebec Indigenous Science and Engineering Association (QASEA), un’associazione non -organizzazione a scopo di lucro Dedicata a un’organizzazione a scopo di lucro che promuove la scienza e l’ingegneria per i giovani che vivono nelle comunità delle Prime Nazioni e degli Inuit in tutto il Quebec.

“La fiera della scienza consente agli studenti di condurre ricerche scientifiche in qualsiasi area di interesse”, ha detto Walsh. “Ciò aiuta a promuovere lo sviluppo di varie competenze, come il pensiero critico, la risoluzione dei problemi e la gestione dei progetti. Spero anche che la fiera della scienza susciti gioia nello STEM e promuova l’interesse per la scienza e la tecnologia”.

Dallo slime magnetico alla chimica delle creme solari

Durante la sessione finale del Mentors Club all’ora di pranzo presso la Karonhianónhnha Tsi Ionterihwaienstáhkhwa, una scuola di immersione in Kanien’kéha (lingua Mohawk), gli alunni di quinta e sesta elementare che hanno partecipato alla fiera di quest’anno erano pieni di entusiasmo mentre davano gli ultimi ritocchi ai loro progetti. L’ambiente della classe era pieno di gioiosa collaborazione mentre gli studenti condividevano il loro lavoro tra loro, apportavano gli ultimi ritocchi ai riassunti cartacei e assemblavano i loro cartelloni prima del grande evento.

READ  Colesterolo: grandi margini di miglioramento nelle cure

I partecipanti alla Fiera della scienza scelgono i propri argomenti e iniziano a lavorare sui propri progetti a partire dall’autunno. I progetti presentati al Guides Club riflettevano un’ampia e innovativa gamma di curiosità scientifiche, esplorando argomenti come la creazione di slime magnetico, la composizione chimica di vari marchi di creme solari e l’origine dei diversi colori dei fiori.

Alla sessione finale del club dei mentori, la dottoranda in neuroscienze della McGill University Isabelle Sarti ha fatto da mentore insieme a Walsh, Purdue e un insegnante di scienze. Per Sarti la comunicazione della scienza ha sempre fatto parte della sua vita. Crescendo, il padre fisico di Sarti dava spesso dimostrazioni scientifiche ai bambini del vicinato nel vialetto di casa della sua famiglia.

“L’opportunità di incontrare gli studenti, conoscere ciò che li incuriosisce e scoprire le domande che desiderano esplorare nei loro progetti è stata estremamente gratificante”, ha affermato Sarti. “L’ambiente creato dagli insegnanti in classe ha incoraggiato la partecipazione attiva e l’indagine, e sono grato per l’opportunità di imparare da questo processo e di contribuire a questo processo.”

Apprendimento basato sull’indagine

A Karunhianunhanha, Sarti ha lavorato con uno studente su un progetto sulla “regola dei cinque secondi”, che confronta il numero di batteri presenti in un pezzo di cibo accumulati sul pavimento della scuola rispetto al pavimento della casa dello studente.

Sarti ha incoraggiato lo studente ad andare oltre e a formulare ulteriori ipotesi sulla complessa natura dei batteri, anche se le risposte non erano immediatamente ovvie.

“Hai qualche idea?” – chiese Sarti. “Non devono avere ragione.”

Questo approccio è essenziale per il lavoro svolto dai volontari di sensibilizzazione scientifica negli ambienti scolastici K-11, ha affermato Megan Phillips, insegnante di sensibilizzazione scientifica alla McGill.

READ  Le prove della conoscenza di Dio – Exaudi

“Prima di entrare nelle scuole K-11, i volontari vengono formati sulle migliori pratiche per lavorare con i giovani, e una strategia chiave in questo è l’apprendimento basato sull’indagine”, ha affermato Phillips. “Questo approccio si concentra sulla conoscenza dello studente e lo invita a esplorare e impegnarsi con argomenti scientifici in modo responsabilizzante”.

Lo studente e un’altra persona seduta lì vicino hanno risposto all’appello di Sarti per ulteriori esplorazioni scientifiche, condividendo le loro teorie emergenti su come i batteri crescono e si diffondono. La loro passione per la scienza e il desiderio di scoprire erano evidenti e gli Extension Club hanno fornito un ambiente favorevole in cui esplorare le loro curiosità.

Dopo la mostra Knowledge Economic City di febbraio, i vincitori hanno presentato i loro progetti al Qatar Food Industries Forum di Gatineau di marzo. Lì, gli studenti di Kahnawà:ke hanno portato a casa premi in sei categorie, a testimonianza non solo dei risultati ottenuti da questi aspiranti giovani studiosi, ma anche dell’ambiente solidale e coinvolgente promosso da Walsh, Purdue e dai mentori degli studenti nei club di tutoraggio. In collaborazione con i mentori McGill.

Per ulteriori informazioni sulla divulgazione scientifica di McGill, visitare il sito web Pagina dell’Ufficio Sensibilizzazione Scientifica.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *