Dietro le quinte del cambio di gestione al teatro Athénée-Louis Jouvet

Durante il coprifuoco, i lavori sono proseguiti: Théâtre de l’Athénée-Louis Jouvet, alle 9H Cerchio di Parigi, le lancette cambiano. Il suo direttore, Patrice Martinet, si prepara a venderlo a Olivier Popelli e Olivier Manti, direttori del teatro Bove du Nord. La vendita deve essere effettiva in primavera. È il contratto di locazione, le pareti sono di proprietà di Groupama, che è tuttora il proprietario. Non c’è niente di insolito in questo: la maggior parte delle stanze private vive con questo sistema.

Ateneo si distingue per il suo status ibrido. Come Bouffes du Nord e Bastille, è un teatro a sé stante con una missione di servizio pubblico. È chiaramente governato da una società a responsabilità limitata (SARL) e sostenuto dallo stato. Nel 1993, il Ministero della Cultura ha nominato Patrice Martinet come suo presidente. E Patrice Martinet se ne andò dopo ventisette anni a vendere l’affitto.

Nel 1982, un anno dopo l’elezione di François Mitterrand, Pierre Bergé cedette il palco allo Stato in cambio di un simbolico franco.

Per capire cosa è successo, dobbiamo tornare all’inizio degli anni Ottanta. Pierre Bergé, uomo d’affari di Yves Saint Laurent, è a capo della società Athena che ha acquisito nel 1977. Ha aperto nel 1896, coronato dalla gloria di Louis Jouvet. Lo ha diretto dal 1934 fino alla sua morte nel 1951, ed è uno dei più bei teatri italiani di Parigi. Pierre Bergé [actionnaire du Monde jusqu’à son décès en 2017] Aggiunge una deliziosa tasca sotto la grondaia. Durante i quattro anni in cui ha diretto Athénée, ha sottolineato la scelta di “Musical Mondays”, che è molto popolare e di alta qualità.

READ  Il successo di Noelia "Tú" continua a far innamorare i cuori!
L’articolo è riservato ai nostri iscritti Leggi anche Josyane Horville all’Athénée al momento giusto

Nel 1982, un anno dopo l’elezione di François Mitterrand, Pierre Bergé cedette il palco allo Stato in cambio di un simbolico franco. È un grande regalo, ma cosa ne fai? Jack Lang, il ministro della Cultura, e Robert Abi Rashid, il suo regista teatrale, Josianne Horville, hanno chiesto di sviluppare un progetto. Josiane Horville propone, sulla base di una carriera che ha portato dal Comune de Opera al Centre Georges Pompidou, di mettere Athena al servizio di giovani aziende senza una sede fissa che si moltiplicano e si diffondono ovunque. Francia, ma stanno lottando per farsi conoscere. Il ministero è d’accordo con entrambe le mani e nomina Josianne Horville ad Athénée.

“Lunedì musicale”

Una questione resta da risolvere. Di solito, lo stato gestisce teatri di proprietà o di proprietà dei comuni. Ma non ha le mura dell’Ateneo per cui deve “inventare” un’identità giuridica. Su richiesta del dipartimento, Josyane Horville ha istituito la SARL, che gestisce. “Compro la metà delle azioni, fino a 25mila franchi.”, Ti ricordi. L’altra metà è di proprietà di un’associazione, Théâtre en Mouvement, presieduta da un rappresentante del ministero.

Hai il 66,47% di questo articolo da leggere. Il resto è solo per gli abbonati.

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *