“Devo essere più aggressivo”: cinque domande a Evan Fournier prima di Francia-Italia a Montpellier

In occasione delle partite di preparazione della squadra francese a Montpellier contro Italia e Belgio (16 e 18 agosto) alla Sud de France Arena, Evan Fournier, il nuovo capitano della squadra francese, si è prestato alla partita dell’intervista.

Capitano dei Blues. Questo è un passo in più nella carriera di Evan Fournier nella squadra francese. Il giocatore dei New York Knicks (82 presenze in blu) ha indossato la fascia quest’estate in assenza dell’infortunato Nicolas Batum.

Abbiamo potuto approfittare di un allenamento alla Sud de France Arena per porre cinque domande al 29enne, in particolare sul suo nuovo ruolo, ma anche sul suo rapporto con il Biterrois Thomas Heurtel o anche sul stato attuale della ‘squadra francese.

Come ti senti ad essere stato nominato capitano della nazionale francese?

È un titolo gratificante. So che ci sono degli assenti, in particolare Nico (Nicolas Batum) che è stato capitano nelle ultime due stagioni. Prendo a cuore questo ruolo, cerco di fare il meglio che posso. Ma sul campo non cambia nulla.

Durante la tua partita di Bologna gli italiani hanno cercato il più possibile di rallentarti, come hai vissuto quella sera?

Non mi sono impegnato molto, non sono stato molto aggressivo per diversi motivi. Il modo in cui ho giocato non mi ha fatto molto piacere. Devo essere più aggressivo, anche se è preparazione, devo rimettere insieme le gambe e farò meglio nella prossima partita. Da un punto di vista collettivo, abbiamo avuto troppe palle perse. Dovremo correggere l’implementazione tecnica sui sistemi.

I tanti infortuni e la riorganizzazione del gruppo pongono problemi per trovare automatismi?

READ  Italia: Mancini spiega il ritorno di Mario Balotelli

Stiamo migliorando sempre di più, ma c’è davvero molto lavoro. Sono passati, casualmente, solo una decina di giorni che stiamo insieme. Alcuni giocatori si conoscono e gli allenamenti e le partite sono fatti apposta per questo. Sarebbe preoccupante non commettere errori. Oltre a ciò, anche durante l’Europeo, impareremo dalle nostre partite e dai nostri errori e i gironi servono anche a questo, per prepararci a un grande ottavi di finale.

Vi considerate i favoriti all’Euro?

Non parlo mai dei preferiti. È vero che siamo una delle grandi nazioni, ma ci sono squadre che hanno fame e non ottengono risultati da molto tempo, come la Lituania, i croati, i greci. Ci concentriamo su di noi. Gli obiettivi rimangono gli stessi: vincere la competizione. Ci si può avvicinare con lo stato di favoriti o “sfavoriti” (outsider, ndr), a noi non interessa un po’. Ciò che conta è la mentalità.

Attualmente condividi la guida del gioco con Thomas Heurtel, come è organizzato questo tra di voi?

Thomas è il mio “compagno di stanza” (compagno di stanza, ndr), abbiamo una grande comprensione. Stiamo insieme dal 2014, ci siamo conosciuti nel 2013. Alla fine abbiamo condiviso poco il campo dato che di solito esce dalla panchina. Thomas è un ottimo passante. Per le cinque major, dobbiamo trovare un vero accordo per poter essere ancora più efficienti. Ha davvero qualità di visione del gioco e io come finisher / scorer, può davvero aiutarmi in questo. Thomas non è necessariamente una persona molto vocale, è piuttosto riservato e molto premuroso, ma parla quando ha bisogno di parlare. Abbiamo bisogno di lui, ha molta esperienza.

READ  Stellantis sospende temporaneamente la produzione nello stabilimento di Melfi

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.