Dettagli Affari Esteri

Il direttore della diplomazia pubblica del ministero degli Affari esteri è tornato sulla situazione dei tunisini detenuti all’aeroporto di Belgrado, in Serbia.

Ha confermato che sono stati detenuti nella sala d’attesa dell’aeroporto e non nel carcere, spiegando che 26 di loro sono stati consegnati e che altri cinque sono stati arrestati per ragioni sconosciute.

Il funzionario, parlando tramite Mosaique FM, ha aggiunto che a seguito del visto recentemente imposto ai tunisini, le autorità serbe hanno stilato un elenco di criteri per consentire il passaggio dei cittadini tunisini.

Domenica 30 ottobre, l’ex parlamentare residente in Italia, Majdi Karbai, ha rivelato un nuovo caso che coinvolge i tunisini all’estero.

Ha annunciato sul suo account Facebook che le autorità serbe avevano arrestato almeno sessanta tunisini all’aeroporto di Belgrado.

Ha sottolineato che questi tunisini provengono dalla Turchia, considerando che questi arresti sono arbitrari perché il loro status è legale.

Per questa ex parlamentare che ha già svelato la storia della bambina arrivata da sola in Italia qualche giorno fa, i tunisini sono diventati bersaglio di maltrattamenti e pratiche abusive in tutto il mondo.

READ  Il lupo in Francia è un rilevatore di disordini sociali?

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.