degli immigrati che parlano della loro integrazione

La città di Dieppe ha annunciato la sua prima strategia sull’immigrazione un anno fa. Per celebrare questo anniversario, ha invitato gli immigrati a parlare della loro integrazione. Hanno parlato degli alti e bassi del loro viaggio.

“Sono arrivato in Canada il 28 agosto 2013 per sostenere mia sorella”, ricorda Benin Mourad Baderu. Ero in vacanza. Infine, ho soggiornato perché l’accoglienza è stata eccezionale. Ho studiato kinesiologia all’Università di Moncton”.

Muriel Beardat, italo-francese, ha spiegato la sua emigrazione quattro anni fa con una motivazione simile.

“Sono queste le persone che mi hanno attirato a Dieppe: il loro spirito comunitario, la loro apertura, la loro allegria e la diversità culturale”, ha sorriso. Mi sento a casa qui. Volevo anche che i miei figli sperimentassero qualcos’altro”.

Tuttavia, l’integrazione è stata difficile per il quindicenne svizzero Le Lavanci. Se oggi si considera felice, è grazie a un’amica di origine Métis.

“Ho avuto esperienze negative”, ha detto l’adolescente. Mi ha fatto capire che avevo il diritto di integrarmi, anche in un ambiente sfavorevole. Così ho imposto la mia presenza a scuola. Non lo dimenticherò mai!”

È anche grazie all’incontro che il Sig. Badero si è fatto strada nel territorio. La persona che chiama sua madre accadica lavorava per il servizio abitativo dell’Università di Moncton quando viveva lì.

“Mi sono presa del tempo per discutere e definire la sua cultura. Mi ha anche permesso di aprirmi agli altri, il giovane è stato toccato. Brenda era davvero una madre! Ad esempio, ho perso il mio passepartout. Era di $ 10.000. Così è venuta per venirla a prendere con me dopo il suo lavoro.

READ  Jeremy Duques ha ospitato inutilmente la partita della squadra belga

Di conseguenza, il signor Padereau sentiva di avere una famiglia a Moncton mentre studiava a Montreal durante la pandemia per il suo master in sanità pubblica.

Difficoltà a comunicare

D’altra parte, lo studente malgascio, Dylan Razavindrinbe, ha notato che tendeva a stringere amicizie speciali con altri giovani di origine straniera a scuola.

“Anche se parlo francese, ho trovato davvero difficile l’integrazione, perché la comunicazione e la lingua sono diverse”, ha detto. Ma grazie al discorso, ho imparato. E la ricchezza di non conoscere una cultura è pensare in molti modi”.

Il sig. Badero ha rilevato l’importanza del dialogo tra Acadiani e immigrati per la comprensione reciproca delle ripercussioni culturali che potrebbero creare malintesi.

“Con noi in Benin, quando una persona anziana ti parla, guardi in basso”, ha spiegato. L’ho fatto con un professore dell’Università di Moncton. Mi ha chiesto se lo ascoltavo! Gli ho spiegato come lo rispettavo. Poi mi ha detto che voleva che lo guardassi”.

La signora LaVanci ha anche sollevato l’idea di introdurre le culture nelle scuole, nei social network e nell’intrattenimento.

“Ci sarà una migliore comprensione”, sperava. Ci saranno meno problemi di integrazione, il che non dovrebbe essere normale”.

La signora Beardat ha testimoniato durante la settimana culturale presso la casa di cura dove lavora. In questo evento, i partecipanti cucinano piatti tradizionali.

“Alcune persone vedono persone di colore pregare con ansia. Ha notato che dal momento in cui il dialogo ha luogo, siamo in grado di rimuovere le barriere con tempo e pazienza. Tutti amano mangiare! Questo è il filo conduttore attraverso il quale le persone iniziano ad aprirsi. “

READ  Italia: Crowley nominato Responsabile della Selezione

Tuttavia, il francese e l’italiano hanno supplicato ciascuno di darsi il tempo di domare l’altro. In questa occasione, voleva rassicurare il signor Razavindrinbe che si accusava di non aver imparato abbastanza dai canadesi.

“Per raggiungerli devi fare affidamento anche su una cerchia di nuovi arrivati ​​con i tuoi stessi problemi, le stesse esperienze e le stesse paure. Grazie a loro ti dici che non sei solo, e poi ti senti più forte ad aprirti su.”

Per ridurre la paura dei nuovi arrivati ​​tra i canadesi, Murad Badero ha suggerito di rappresentare meglio gli immigrati di colore, ad esempio tra i funzionari della città di Dieppe.

“C’è un problema molto, molto grande in tutti i settori con la rappresentanza di donne, persone di colore e persone LGBT”, ha aggiunto la signora LaVanci. È molto, molto importante che li rappresentiamo e li forziamo un po’ all’inizio finché non diventi una cosa normale”.

Il Sig. Badero ha anche sottolineato l’importanza della cultura e dello sport come mezzi per rompere il ghiaccio.

“Quando sono diventato un DJ fisso in un bar, mi sono rifiutato di suonare musica africana su richiesta dei miei amici”, ha detto. Ma un giorno ero un po’ ubriaco, ne mangiai uno e andai a mangiare una crema. La gente veniva da me chiedendomi a che titolo giocavo! “

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *