Dal garage al podio: il viaggio di Maud Sharon | Tokyo 2021 | il Sole

È stato questo ragazzo di St-Anne-des-Monts a convincerla a diventare una sollevatrice di pesi, quando ha cercato per la prima volta di migliorare CrossFit all’età di 19 anni. Non era nei suoi primi dubbi, avendo abbracciato pienamente la ginnastica e le arti circensi .

“Mi aspettavo che Serge mi scrivesse oggi, ma mi è passato accanto Allenatore (Jean Patrick Millet). Ha semplicemente scritto: “Lavora duro”. Quando mi allenava, mi diceva spesso questa frase”.

Hai lavorato sodo, Maud. Ha tirato 105 kg da terra, poi ha atterrato un 131 kg pulito e jerk per l’oro olimpico sotto i 64 kg.

“Per tutta la settimana, mi sono detto che ero davvero un vincitore per essere qui (ai Giochi). Ci toglie molto stress. Ma durante la competizione, avevamo paura, eravamo accalcati, ma è finita bene”.

La 28enne di Rimouski è stata la vincitrice oggi e Millett, il suo allenatore per 3 anni, a quanto pare ha scelto i pesi che doveva sollevare per vincere. Hanno provocato gli avversari annunciando regolarmente carichi più alti, ma Mod ha dovuto farlo due volte per stabilizzare la ghisa da 128 kg all’estremità delle sue braccia.

Il sollevamento pesi è strategico e lascio queste decisioni a Jean Patrick.Quando ho sollevato il mio ultimo calibro, pensavo fossero 135 kg, per battere il record canadese, il mio obiettivo qui, ma mi ha detto che erano 131 kg, abbastanza per l’oro. Pensavo che sarebbe stato più facile”.

Si fece avanti, lasciò andare il suo brivido, e poi emise un grido di gioia, il grido di vittoria che alzò sopra la sua testa sorridente.

Il suo ultimo compito della serata era indossare la medaglia d’oro presentata su un vassoio davanti a lei.

READ  Un sondaggio rileva che Biden ha rafforzato l'immagine dell'America all'estero

“Rappresenta molti affari con questa medaglia. La mia famiglia, il mio sport, il mio paese. Anche la mia carriera è atipica, lontana dagli standard. Poi lo è anche per Christine”.

Lacrime per Cristina.

Era la seconda medaglia d’oro canadese nella storia olimpica nel sollevamento pesi, e l’altra apparteneva a Christine Gerrard, nella stessa categoria (allora in -63kg). Ma Kristen non ha sentito l’inno nazionale in cima al podio alle Olimpiadi di Londra. La sua medaglia è arrivata 5 anni dopo, nel 2017, quando una nuova analisi dei test antidoping ha screditato le medaglie d’oro e d’argento di fronte a lei.

“Ho pensato molto a Kristen Gerrard dietro di me. Non volevo nemmeno mettermi troppa pressione, ma mi sono detto che avrei dovuto vincerne uno per lei, e questo potrebbe significare che abbiamo avuto un vero, vero vincere, ce ne sono alcuni in questa medaglia”.

Mi sono unito a Kristen dopo questo commento. Ovviamente ha visto e sentito tutto.

“Mi sembrava di essere proprio lì con lei. Sembra che ho riempito un vuoto con la sua performance. E abbiamo sollevato lo stesso totale, esattamente 236 kg. Bella coincidenza!”

Dal 2018, Kristen è membro di tutti i comitati sportivi antidoping, una vera piaga nel sollevamento pesi e giocando qui il suo futuro olimpico. Il 25% dei casi di doping alle Olimpiadi dal 2008 proviene da questo sport.

“Sto lottando per uno sport pulito e la competizione di oggi è un ottimo esempio. Era molto combattuta. È stato bellissimo. Sto facendo questi passi per Al Mudd”.

Al fine di rendere lo sport pulito e sano. Umano.

E soprattutto, senza dubbio.

READ  In Italia il calo del PIL è stato meno pronunciato del previsto

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *