Dal Belgio all’Italia, questi luoghi abbandonati si sono trasformati in hotel di lusso

All’interno della stazione di Canfrank nel 2005.

la storia

All’inizio del XX secolo, Francia e Spagna volevano un valico di frontiera nei Pirenei “Hanno scelto il sito più difficile, che è Arañones, una valle molto chiusa”. Joaquín Magrazo spiega di nuovo Gurps. Cominciarono a scavare il tunnel e la terra che stavano raccogliendo ne avrebbe riempito la valle. Ecco perché l’edificio è stato costruito a una distanza di 12 metri, al passaggio di un fiume che hanno dovuto deviare. “ Sfortunatamente, sono seguite valanghe e sono stati piantati 10 o 12 milioni di alberi per evitarle, quindi la stazione è circondata da una foresta risalente agli anni 1920. L’edificio è stato inaugurato il 18 luglio 1928 alla presenza del re Alfonso XIII di Spagna e Presidente della Repubblica francese (tra il 1924 e il 1931) Gaston Domergi, secondo i piani dell’architetto e ingegnere spagnolo Fernando Ramirez de Damper.

Negli anni ’30 un incendio distrusse il ristorante e parte del tetto in legno. Durante la guerra civile, i confini furono chiusi e caddero nelle mani delle forze di Franco. Durante la seconda guerra mondiale, i francesi avevano il controllo dei nazisti che usavano gli edifici per immagazzinare le attrezzature per i loro carri armati … sebbene la stazione fosse anche un corridoio e un rifugio per migliaia di ebrei in fuga da Hitler. E nel 1941, la stazione fu acquisita da RENFE, la rete ferroviaria nazionale spagnola. Successivamente, negli anni ’70, dopo un deragliamento e il crollo di un ponte, il confine con la Francia fu chiuso definitivamente. Da allora, il mitico Canfranero è stato l’unico treno sui suoi binari. Nel 2002 è stato classificato come bene di rilevanza culturale.

READ  L'Italia annulla i contratti di armi con Riyadh e gli Emirati Arabi Uniti

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *