Dabaiba chiede di espandere la partecipazione alla lotta all’immigrazione illegale

Sig. Mohamed Artema

Il primo ministro libico, Abdel Hamid Dabaiba, ha chiesto oggi, lunedì, di espandere la partecipazione alla lotta all’immigrazione illegale e di creare meccanismi di coordinamento unificati per affrontare le sfide alla sicurezza che la Libia e l’Italia devono affrontare.

È quanto è emerso da una conferenza stampa congiunta tra Dabaiba e il suo omologo italiano, Mario Draghi, tenutasi nella capitale italiana, Roma, secondo una trasmissione in diretta sul sito di notizie libico “Hikmatuna” (ufficiale).

“Aspiriamo a trovare meccanismi di coordinamento unificati di fronte a sfide di sicurezza comuni, e ad espandere il cerchio di partecipazione nella lotta al fenomeno dell’immigrazione illegale che deve affrontare i nostri due paesi, includendo tutti i paesi europei amici”, ha detto Dabaiba, “partenza e transito . “

“La questione delle migrazioni nel Mediterraneo o solo sulle coste libiche non può essere affrontata … va affrontata rientrando nei Paesi di partenza. È una questione umanitaria internazionale che non può essere di esclusiva responsabilità della Libia o dell’Italia”, Ha aggiunto.

A causa dei conflitti interni che l’hanno scossa, la Libia è diventata, negli ultimi anni, un punto di transito verso l’Europa, utilizzato dai migranti africani illegali in fuga dalla povertà e dall’instabilità del loro Paese.

Sulla cooperazione economica tra Libia e Italia, Dabaiba ha chiesto “l’apertura di orizzonti per la cooperazione negli investimenti e l’aumento del volume degli scambi al di fuori del settore dei combustibili nel campo delle energie rinnovabili”.

Il premier libico ha indicato che “un grande progetto nel campo del rilancio degli investimenti e dello sviluppo attende la Libia e ci adopereremo per superare gli ostacoli in tal senso”, chiedendo “l’accelerazione dell’apertura dello spazio aereo europeo”. Da e per la Libia “.

READ  Repubblica Democratica del Congo: Marie Tumba ha invitato Nesza a partecipare alla riunione dei ministri degli esteri del G20 in Italia

Ha aggiunto: “Siamo ansiosi di riprendere la cooperazione bilaterale e di riprendere le sessioni di lavoro nel quadro dei comitati misti per dare seguito al Trattato di amicizia e partenariato concluso tra di noi nel 2008.”

Dabaiba ha anche fatto riferimento alla questione dei prigionieri libici in Italia, dicendo: “Abbiamo deciso di prendere in considerazione la possibilità di firmare un accordo sul trasferimento di prigionieri libici nelle carceri italiane per scontare le loro pene in Libia … il ministro della Giustizia libico”, e ha istruito il libico Il ministro della Giustizia che la prossima settimana visiterà l’Italia per studiare i dettagli di tale accordo e seguire i casi relativi ai prigionieri libici ”.

Abdul Hamid Dabaiba ha iniziato una visita a Roma, lunedì, e si concluderà martedì, secondo il corrispondente dell’Agenzia Anadolu.

Tradotto dall’arabo da Fatima Bin Daou

Solo una parte dei dispacci che l’Agenzia Anadolu trasmette ai suoi abbonati tramite il Sistema di Distribuzione Interno (HAS), viene trasmessa sul sito web dell’AA, in modo sintetico. Contattaci per iscriverti.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *