[Critique] The Cycle: Frontier: uno “sparatutto” che vale la pena guardare

[Critique] The Cycle: Frontier: uno “sparatutto” che vale la pena guardare

Corso: Confini È uno sparatutto in prima persona che ha visto uno sviluppo irregolare. Originariamente intitolato sessioneil gioco era infinito battaglia reale Che è andato sotto il radar di tipo già saturo. Quindi lo studio tedesco YAGER ha cambiato la sua ricetta per includere il suo titolo nel genere sparatuttoChe sta esplodendo in popolarità grazie all’eccellente Fuga da Tarkov.

Gratuito e più accessibile di quest’ultimo, Corso: Confini Si svolge sul pianeta Fortuna III e la stazione spaziale Prospect Station. I giocatori incarnano i “Cercatori”, un tipo di avventuriero che scende sulla superficie di Fortuna III per recuperare risorse preziose rischiando la vita. Questo pianeta un tempo abitato è ora un campo di rifiuti la cui esistenza è riaffermata da animali nativi ostili.

Tre fazioni principali

L’economia di Prospect Station, dove si trova il nostro quartier generale personale, è (per il momento) dominata da tre fazioni principali: Korolev, Osiris e ICA. Questi fondamentalmente ci fanno fare il loro sporco lavoro in Fortuna III. Ogni contratto fa guadagnare K-Marks, la valuta di base della stazione, oltre a punti fazione che danno accesso a equipaggiamento migliore. Riceviamo anche script che ci consentono di migliorare i nostri quartieri.

Il gameplay è semplice ma avvincente. Per prima cosa accettiamo un contratto (compito). Quindi arriviamo a Fortuna III, da soli o in squadra, con l’attrezzatura che riteniamo necessaria per portare a termine la nostra missione – e che siamo disposti a rinunciare in caso di fallimento. Detto compito è compiuto, sia che si tratti di recuperare risorse preziose, depositare qualcosa in un determinato luogo o uccidere determinati esemplari di fauna locale. Lungo la strada, saccheggiamo tutto ciò che troviamo degno di attenzione e uccidiamo altri giocatori che si frappongono sulla nostra strada.

READ  whatsapp per consentire il trasferimento della chat da Android a iPhone

Quando siamo pronti per lasciare Fortuna III, ci rechiamo in uno dei siti di estrazione dove una nave viene a prenderci. In caso di estrazione riuscita, conserviamo tutto ciò che abbiamo saccheggiato durante la nostra incursione. Al contrario, se vieni ucciso durante l’avventura, perderai tutto ciò che hai precedentemente saccheggiato e portato. Risciacqua e ripeti.

Maneggiare le armi

Al momento della stesura di questo articolo, i giocatori possono esplorare due mappe, una con un ambiente più pericoloso dell’altra. Una delle caratteristiche più importanti del gioco è il loro design, ognuno dei quali consiste in spazi aperti pieni di molti punti di interesse dove è più probabile che si verifichi l’azione. Fortuna III è un pianeta vivente, pieno di vegetazione lussureggiante, un mondo pieno di ricchezze e un enorme parco giochi in cui la tensione ci tiene in costante suspense.

La gestione delle armi, principalmente in uno sparatutto, è molto buona. Le armi sono ben progettate e variegate e i colpi sono potenti, aiutati da un sound design clamoroso. Tuttavia, da allora non tutto è perfetto sessione Ha un problema di equilibrio. L’equipaggiamento, comprese armi e armature, è suddiviso in diversi livelli di rarità. Questo sistema rende molto difficile vincere le partite con giocatori meglio equipaggiati, anche con la stessa abilità. E diventa piuttosto impegnativo per un giocatore singolo che incrocia un duo o un trio ben equipaggiato. È meglio, allora, ritirarsi e sperare che passi inosservato.

Corso: Confini

★★★ 1/2

Sviluppato e pubblicato da YAGER Development. Gratuito su Microsoft Windows (Steam Store ed Epic Games Store).

Vediamo nel video

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.