Cristiano Ronaldo dezincato in Italia

L’ex presidente della Juventus Giovanni Cobolli Gigli ha messo in dubbio la firma di Cristiano Ronaldo dopo essere stato eliminato in C1.

La Juventus non avrebbe mai dovuto comprare Cristiano Ronaldo e il club dovrebbe provare a vendere la stella durante l’estate, afferma l’ex presidente bianconero Giovanni Cobolli Gigli.

Il nazionale portoghese si è unito ai giganti italiani del Real Madrid in una mossa di alto profilo da 100 milioni di euro in vista della stagione 2018-19 con un lucrativo contratto quadriennale.

Il cinque volte vincitore del Pallone d’Oro ha guidato la Juve a due titoli consecutivi di Serie A nelle prime due stagioni all’Allianz Stadium, ma i nove volte campioni italiani di fila seguono l’Inter di 10 punti in questa stagione con un partita per giocare. La Juventus è stata eliminata martedì dalla Champions League contro il Porto, essendo stata eliminata rispettivamente da Ajax e Lione nei quarti di finale e ottava da quando Ronaldo è arrivato a Torino.

Il direttore sportivo Fabio Paratici ha rivelato in vista della sconfitta esterna per 4-4 della Juve che un nuovo contratto per Ronaldo, mancato in entrambe le gare contro il Porto, “non è in palio.

E Gigli, presidente della Juve tra il 2006 e il 2009, ha criticato Paratici per aver reclutato il portoghese. Alla domanda se portare Ronaldo non fosse la scelta giusta, Gigli ha detto Radio Punto Nuovo: “Assolutamente sì! L’ho detto nella sua prima giornata alla Juventus. È un grande campione ma è troppo caro”.

“Lo hanno pagato 1 milione di euro per gol. [Le président de la Juve, Andrea] Agnelli deve essere autocritico, ma non ha grandi collaboratori. Il club dovrebbe rilasciare Ronaldo a fine stagione e lo stesso vale per Paratici. Forse Agnelli lo aveva promosso per rimuoverlo dal suo incarico in seguito. Questo potrebbe essere lo scenario. “

READ  La tradizione del Carnevale in Italia

Gigli ha anche messo in dubbio la posizione di Pavel Nedved come vicepresidente dopo l’ultima deludente eliminazione della Juve in Champions League. “Lo conosco come un grande campione, ma non è capace di essere il vicepresidente della Juventus”, ha detto.

“Dovrebbero ripensare al suo ruolo nel club”. Non ha partecipato all’ultima conferenza stampa del [Massimiliano] Allegri e a me non piaceva. So che non erano in buoni rapporti. Ha affermato di essere all’estero, ma è sbagliato, era in Italia. Non ha lo stile della Juventus. “

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *