Cristiana, infermiera di una RSA di Torino: “Non sono una no vax, ma no. Proteggo i miei pazienti evitando i rischi “

1 Cristiana, sei un’infermiera professionista che da 15 anni lavora in una RSA di Torino, perché sei contraria al vaccino?
“Sono turbato dall’idea di natura obbligatoria. Tutti devono essere liberi. Non sono un no vax, ma penso che i vaccini dovrebbero essere usati con cautela. Non faccio mai quello contro l’influenza. E Covid non è la peste bubbonica. Nella prima fase dell’epidemia furono commessi molti errori perché la malattia non era nota. Ciò ha contribuito a amplificare le paure delle persone. Il tasso di mortalità di Covid non è molto diverso da quello di un’influenza ».

2 Suonano come le parole di un negazionista. Non hai visto morire qualcuno?
“Al contrario, ho visto molte persone ammalarsi e morire. Ho accompagnato diversi ospiti nelle ultime fasi della loro vita. Immagini di dolore che porterò sempre con me. Ma tutti erano fragili, affetti da patologie precedenti. Il virus era una delle cause. Non sono morti di Covid, ma con Covid ».

Coronavirus, l’Istituto Superiore di Sanità risponde alle domande sul vaccino e smantella le bufale

3 Non pensi agli anziani ospiti? Se fosse vaccinata potrebbe proteggerli meglio, non credi?

«Come infermiera cerco di alzare il livello di prevenzione: evito situazioni rischiose. Il rispetto scrupoloso delle regole di condotta è più efficace di qualsiasi vaccino: dispositivi di protezione, igiene e controllo dei colleghi ».

4 E se il suo datore di lavoro la costringesse a farsi vaccinare?
“Dovranno legarmi per ottenere il tiro. Esagerazioni a parte, il vaccino non garantisce la completa sicurezza dell’immunità. Gli effetti collaterali a medio e lungo termine non sono noti. Questo vaccino è stato prodotto in fretta, non è stato testato su soggetti di età inferiore ai 16 anni. Gli esperti dicono che gli studi non sono ancora terminati e si affidano al “vedremo”. E poi, anche se vaccinato, dovrò indossare maschere al lavoro, mentre gli ospiti continueranno a rimanere isolati in RSA “.

READ  La Scozia polverizza l'Italia nel Torneo Sei Nazioni

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *