Couche-Tard e Carrefour non vogliono tagliare i ponti

(Foto: 123RF)

Nonostante il fallimento dell’acquisizione del gigante francese della vendita al dettaglio, Alimentation Couche – Tard non ha alcuna intenzione di rompere i legami con Carrefour.

La multinazionale del Quebec non è riuscita a cambiare idea sul governo francese e ministro dell’Economia Bruno Le Maire, principale ostacolo a un potenziale accordo.

Le due società hanno rilasciato una dichiarazione congiunta sabato annunciando la loro decisione di “estendere le loro discussioni per discutere le opportunità di partnership operative”.

In particolare, vogliono cooperare in vari settori, come lo scambio delle migliori pratiche nella distribuzione del carburante e lo sviluppo di appalti congiunti. Le discussioni si concentreranno anche sullo scambio di esperienze, sul miglioramento della distribuzione dei prodotti nelle aree comuni tra i due gruppi e sui partenariati per lo sviluppo e la commercializzazione di marchi privati.

Il management di Couche – Tard terrà una teleconferenza lunedì per “discutere gli obiettivi strategici dell’azienda e le opportunità che può derivare dalle future partnership operative con Carrefour SA”.

Secondo Brian Hanasch, Presidente e CEO di Couche – Tard, queste opportunità con Carrefour consentiranno al Quebec di realizzare la sua ambizione di diventare un leader mondiale nella distribuzione di massa.

“Le aree di cooperazione previste sono in linea con il nostro piano strategico, il nostro impegno a promuovere noi stessi nelle nostre attività principali come le formule di prossimità e la distribuzione di carburante e il nostro desiderio di esplorare molteplici opportunità nelle aree di crescita associate”, ha affermato nella dichiarazione. .

Da parte sua, il CEO di Carrefour, Alexander Bombard, ha affermato che “la prevista e promettente partnership con il leader nordamericano Couche-Tard è completamente allineata con questa strategia che ci ha già permesso di trovare una strada verso una crescita redditizia”.

READ  Mario Draghi, il futuro salvatore dell'economia italiana?

Mentre il ministro federale per il commercio internazionale, Mary Ng, ha lamentato il fallimento di Couche-Tard, si è detta incoraggiata dal fatto che le due società “continueranno a esplorare una partnership operativa”.

Couche-Tard ha offerto 20 euro ($ 30,79) per azione di Carrefour in quella che sarebbe diventata la più grande acquisizione di negozi e distributori di benzina dell’operatore. Il pagamento sarebbe avvenuto principalmente in contanti.

Secondo le informazioni riportate da vari media, il Quebec era pronto, come parte del suo impegno, a investire più di 4,5 miliardi di CAD nelle attività di Carrefour nei prossimi cinque anni oltre a fornire garanzie occupazionali.

Ma Bruno Le Maire, che aveva già avvertito che il suo governo avrebbe potuto ricorrere al decreto sul controllo degli investimenti stranieri in Francia per bloccare un accordo, venerdì ha continuato a esprimere la sua opposizione all’offerta Couche-Tard.

L’azienda francese è stata fondata più di 60 anni fa. Gestisce quasi 13.000 supermercati, supermercati e minimarket in 30 paesi come Francia, Spagna, Italia, Brasile, Argentina e Taiwan. La sua forza lavoro supera i 320.000 dipendenti.

Da parte sua, la rete globale della società con sede a Laval ha 14.200 punti vendita.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *