Cosa significa chiamare l’ambasciatore

Sotto l’oro invisibile delle rappresentazioni diplomatiche, il terreno a volte scricchiola: basta poco al traballante meccanismo che governa i rapporti tra Stati sovrani, ea volte si impantana. Dal niente o dal troppo. Ciò è dimostrato dal Cremlino che ha convocato il suo ambasciatore a Washington dopo che Joe Biden, il presidente degli Stati Uniti, di nome Vladimir Putin, ha invitato la sua controparte russa, ”l’assassino”. Non sorprende che il presidente russo fosse arrabbiato e ha convocato il signor Anatoly Antonov, l’ex viceministro della difesa e viceministro degli esteri, e l’ambasciatore russo negli Stati Uniti.

Convocare il diplomatico suona come uno sfortunato presagio, un finale declino e scivolata verso l’uso della forza: sanzioni economiche, rottura dei rapporti bilaterali. O verso conflitti armati, movimenti di truppe e installazioni missilistiche, oltre a risvegliare il ricordo delle peggiori ore della Guerra Fredda, quando le due parti in guerra si erano disintegrate per secoli della loro diplomazia nell’atomo, con testate nucleari interconnesse.

L’ambasciatore russo a Washington partirà sabato per Mosca per tenere consultazioni sul futuro delle relazioni russo-americane. Un tale sollecito da parte dell’ambasciatore, anche se era formalmente qualificato “lettera di invito” Da Mosca, una rarità nell’azione diplomatica russa.

Le relazioni tettoniche per le relazioni bilaterali sono a volte violente, ma questo fa parte del gioco diplomatico. “Teniamo presente che la convocazione dell’ambasciatore è solo un elemento del linguaggio diplomatico ed è una pratica abituale, in una certa misura, moderna”. Daniel Arlaud, storico ed ex stretto collaboratore di Dominique de Villepin, Ministro degli Affari Esteri e poi Primo Ministro del Presidente Jacques Chirac.

“È un piccolo brano musicale che lascia ogni spazio al solista per cantare o fare la sua musica davanti all’orchestra. Alla fine, ha interpretato il rapporto tra politici e diplomatici, lasciando spazio a un colloquio”.

Daniel Arloud

A franceinfo

In primo luogo, il ministro degli esteri invia una nota verbale all’ambasciata straniera interessata, convocando l’ambasciatore estero per esprimere un disaccordo: lo stato può quindi convocare il suo ambasciatore. Continua Jean-Paul Pancrasio, professore emerito di università e specialista in diritto internazionale pubblico. In concreto, l’ambasciatore invia la decisione del suo ministero al paese ricevente, quindi lascia il paese. Quindi riferisce al suo ministero o al capo dello stato sulla situazione nel paese.

READ  Italia: organizzazione non governativa accusata di aver ricevuto denaro dopo aver salvato migranti

La convocazione dell’ambasciatore non significa una pausa definitiva e quindi lascia spazio agli scambi diplomatici in corso. “Questa pratica è perIn un momento in cui la diplomazia è diventata più standardizzata, Daniel Arlaud ha continuato, Con l’aumento del numero delle ambasciate dalla fine della seconda guerra mondiale e il raddoppio del numero di possibili rapporti ”. In parole povere, dopo la seconda guerra mondiale, c’erano una cinquantina di paesi nel mondo, Jean-Paul Pancrasio identifica, Alleati durante la seconda guerra mondiale, vincitori e fondatori delle Nazioni Unite, familiarità con le relazioni internazionali. Poi tutto dipendeva dalle usanze e dalle pratiche internazionali … ”

“Quando arriveranno le grandi ondate di decolonizzazione, la comunità internazionale enumera una serie di nuovi stati sovrani, senza che nessuno sappia come metteranno in atto questi costumi, che dovranno poi essere scolpiti nella pietra per il futuro”.

Jean-Paul Pancrasio, specialista in relazioni internazionali

A franceinfo

Così le regole comuni per l’organizzazione della diplomazia apparvero negli anni ’60 con la Convenzione di Vienna, una serie di testi che codificavano le relazioni tra gli Stati: relazioni diplomatiche (1961), relazioni consolari (1963) o trattati di diritto (1969). Lo scopo della Convenzione di Vienna è regolare la proliferazione dei rapporti diretti tra i capi di Stato. E trovare un linguaggio comune per facilitare la laurea nell’esprimere un’insoddisfazione è unLo stato in relazione all’altro e contiene controversie, come quelle tra è unStati Uniti e Russia.

Prima dell’Accordo di Vienna e nel XX secolo, la convocazione di un ambasciatore e l’interruzione delle relazioni diplomatiche erano relativamente simili: generalmente si riferiscono al punto di non ritorno. Da allora, questa pratica è diventata un mantra del linguaggio diplomatico: e così la Francia ha richiamato il suo ambasciatore in Turchia lo scorso anno, nel 2020. E lo ha fatto in modo ancora più sorprendente nel 2019 con l’Italia, per protesta contro diverse dichiarazioni dell’italiano governo: Luigi Di Maio sulle “giacche” gialle “o Matteo Salvini su Emmanuel Macron. Questo promemoria è estremamente raro nella giurisprudenza diplomatica dell’Unione europea. La Grecia ha utilizzato due volte la stessa rotta con l’Austria e la Repubblica Ceca, mentre l’Ungheria l’ha già utilizzata con i Paesi Bassi.

READ  La famiglia Agnelli acquisisce il 24% del capitale di Louboutin

A questo livello, ancora relativamente basso, ma simbolico, perché rappresenta un atto e quindi una reazione pubblica, convocare l’ambasciatore russo negli Stati Uniti per una “consultazione” è tempestivo e relativamente indolore. In alto, una Russia infelice potrebbe anche richiamare definitivamente il suo ambasciatore. Oppure interrompe definitivamente le relazioni diplomatiche e chiude la sua ambasciata. Così, nel maggio 2020, dopo che un documentario è stato trasmesso dalla televisione pubblica francese, in cui i giovani algerini hanno parlato per circa un’ora e criticato la precedente autorità di Bouteflika sulle manifestazioni di Hirak, l’ambasciatore algerino è stato convocato e l’ambasciata è stata chiusa. Prima della riapertura a giugno.

E a un livello più alto, lo stato può convocare molti alti diplomatici all’ambasciata, Jean-Paul Pancrasio continua. Poi lasceremo l’ambasciata, per esempio al ministro degli Esteri o ad un consigliere straniero di seconda classe “. Un modo per dire, per un giorno, una settimana o diversi mesi, che lo Stato avversario non merita niente di meglio di un secondo coltello. Quindi, tagliare i rapporti diplomatici non è mai stato così lontano.

In tali casi, ad esempio, le delegazioni apparentemente non si parlerebbero tra loro o sembrerebbero non prendere più l’ascensore insieme. A un ricevimento, non si incrociano, per mostrare ai membri del corpo diplomatico che hanno freddo.

Jean-Paul Pancrasio, specialista in relazioni internazionali

A franceinfo

A che punto nasce l’ansia? L’indicazione più chiara è la chiusura delle ambasciate, che impedisce contatti diplomatici e riduce la possibilità di una risoluzione pacifica del conflitto. “Questo è uno stato di non ritorno, Daniel Arlaud conferma. Ad esempio, l’ambasciata degli Stati Uniti in Iran è stata chiusa dal 1979, cioè più di 40 anni fa. La Francia ha chiuso la sua ambasciata in Siria nel 2012, indicando un punto di non ritorno per la discussione e la possibilità di sostenere il processo politico in Siria. Nominare un ambasciatore, non più in Siria, ma per la Siria, con sede a Parigi “.

Un paese può anche espellere un diplomatico straniero dal suo territorio. “Questa è una premessa pubblicitaria Persona indesiderataE il Spiega Jean-Paul Pancrasio. Senza giustificare le ragioni per chiedere a un ambasciatore straniero di tornare nel suo paese, lo Stato può annunciarlo Persona indesiderata. È una formula dell’antica Venezia, tramandata dagli italiani Reti : Non più apprezzato, smettere di essere d’accordo. ” Pubblicità Persona indesiderata Particolarmente metodico per comprovati atti di spionaggio diplomatico. Nel marzo 2010, abbiamo visto il Regno Unito annunciare Persona indesiderata Un diplomatico israeliano, dopo che la sua ambasciata ha creato falsi passaporti britannici, è stato utilizzato da membri del commando del Mossad, l’intelligence israeliana, per assassinare un agente di Hamas a Dubai.

READ  La fiducia delle imprese è leggermente aumentata a gennaio

Pertanto, l’ambasciatore ha un periodo non superiore a otto giorni per regolare i suoi affari personali e lasciare il paese. Trascorso questo periodo, il diplomatico non è più considerato un interlocutore dallo Stato ospitante e viene cancellato dall’elenco del personale diplomatico: perde il permesso di soggiorno e l’immunità diplomatica ed è soggetto al diritto pubblico in caso di azione penale. Ironia della sorte, Il professor Pancrasio ha concluso con un sorriso, Gli ambasciatori vengono spesso chiamati quando sono più necessari. Ma la priorità è data all’espressione di malcontento dei media “. Al termine della manifestazione, vediamo gli americani a Biden rassicurati sulla durezza del loro nuovo presidente e Putin rassicurare i russi sul brutale sputo dell’inquilino del Cremlino.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *