Cosa ne pensi di Roberto Gualtieri?

Roberto Gualtieri sarà all’altezza della sfida? Questa domanda è sulla bocca di tutti visto che il politico ha appena vinto il sindaco di Roma. Tecnico qualificato per alcuni, narratore che non risolverà nulla per altri, il nuovo sindaco è già contestato da alcuni residenti, ma ha un’immagine favorevole dei suoi elettori.

Quando abbiamo intervistato il professor Roberto Delemonte, poche settimane prima delle elezioni, ha predetto che Gualtieri sarebbe stato eletto contro Mishti. Implementato. L’ex ministro, deputato italiano e membri del Parlamento europeo ha lanciato una campagna seria e convincente per battere facilmente il suo avversario di destra con oltre il 60% dei voti. Ma quella vittoria sarebbe abbastanza grande da far sentire il nuovo consigliere comunale rumeno sostegno e investimento con fiducia popolare, se non segnata da uno storico tasso di astensione di quasi il 60% al secondo turno. Ben consapevole del problema, Gualtieri ha dichiarato che sarà “sindaco per tutti” e che “lavorerà per limitare le astensioni”.

Nel frattempo, che sia considerato legittimo o meno, il rappresentante eletto del Partito Democratico deve agire rapidamente e agire rapidamente sui temi caldi: gestione dei rifiuti, buche, trasporti, piste ciclabili. Questi problemi sono tra le priorità dei romani e la loro credibilità lavorerà per risolverli con precisione. Dove Virginia Raggi ha fallito, cosa che le è costata la rielezione, Gualtieri dovrà riuscire, e in fretta, se vuole che il suo stato sia vantaggioso. L’8 novembre farà una specie di discorso di ordine pubblico, nel cui interesse sarà capire velocemente dove sta andando, e quali sono le decisioni.

Il sindaco ha i suoi sostenitori

Il neoeletto sindaco, ovviamente, ha molto sostegno. In primis la Regione Lazio, alla quale il suo governatore Zingaretti come lui appartiene al Pd. E tra gli abitanti, alcuni scelsero di dargli la fiducia con cui avrebbe dovuto dimostrare la sua eleggibilità. Il gestore del negozio di giocattoli ci spiega di riporre grande fiducia in Gualtieri, che considera serio e competente. ” Il suo viaggio parla da sé. Ministro, vice… ho molte speranze. È vero che purtroppo molti romani non credono più alla politica perché siamo rimasti molto delusi. Ma io ho votato Gualtieri e penso che sarebbe un ottimo sindaco per la nostra città che ne ha proprio bisogno. “

Ci sono diversi fattori che portano al dubbio.

Il proprietario del ristorante è eccellente? osteria (Una specie di equivalente italiano della brasserie francese dove si mangia cibo tradizionale a prezzi moderati), che preferisce rimanere anonimo, non è dello stesso avviso. Per lui, Gualtieri o altri, non cambierebbe nulla. Ritiene di rappresentare la popolazione romana, e insiste su massicce astensioni: ” Come vuoi che le persone credano nella politica quando un vincitore delle elezioni si chiama astensione? Con un alto tasso di astensione (59,32% nella nota del redattore del secondo round) Non vedo come Gualtieri possa essere legittimo. ” Il discorso di questo leaderosteria, tutt’altro che sorprendente, è un classico che riecheggia l’ambientazione francese.

Per lui non c’era più alcuna differenza evidente tra la classica sinistra e la destra, e ci si poteva quasi aspettare che dalla sua bocca uscisse “UMPS” come parallelismo tra le sue parole e la critica che si riversava in Francia contro i due partiti al governo sono in sciopero. Più sorprendente, invece, è il suo rifiuto di aderire alla retorica e al regime antielite del Movimento 5 Stelle, spesso citato come alternativa ai classici partiti che hanno deluso i cittadini. “Il Movimento 5 Stelle è morto. Punto. E questo fa bene all’Italia. Sono incompetenti, come abbiamo visto nella gestione della Roma. Sono incappati in sondaggi e urne quando i cittadini hanno visto smascherato l’inganno”. di discussione: è impossibile penetrare nelle opinioni di quest’uomo che finisce che è venuto a rivelarci un’inaspettata vicinanza al socialismo». In Francia, il vostro partito socialista ha fatto qualcosa e non è più socialista. È lo stesso qui. Come classificare il Partito Democratico come socialista? Il socialismo è morto, e ce ne possiamo pentire. Questo spiega, secondo lui, che le classi popolari non votano più la sinistra, e che la periferia di Roma ha votato Mishti quando il centro ha votato Gualtieri. Il nostro interlocutore ha sollevato la questione della sinistra socialdemocratica che abbandona le classi popolari, altro tema classico che si sente regolarmente in Francia. Lo dimostra attraverso la polemica sui parcheggi striati di blu, che a suo dire rivela il disprezzo per quelle classi inferiori che percorrono lunghe distanze per recarsi al lavoro e che, senza l’auto, dovrebbero sopportare diverse ore di trasporto. ogni giorno.

La discussione si conclude con un agghiacciante accenno ai giovani. “Hai visto quanto è forte l’astinenza tra i giovani?” Nessuno vota a casa! Pensano che sia inutile. Si sentono abbandonati e nemmeno un giovane su sei tra i 18 ei 25 anni ha votato. è eccitante. In effetti, pochi dei giovani intervistati sembrano interessarsi poco dell’argomento. Una studentessa di lettere, sui vent’anni, ha risposto che dovremmo chiedere ai suoi genitori, perché lei non ne sapeva nulla. Se gli studenti non sono mobilitati dalla politica e dal voto, che poi per i giovani confusi, lontani dal lavoro (la disoccupazione giovanile è massiccia: 27,7% tra i 15-24 anni) e senza prospettive…

Insomma: il sindaco aspetta e vigila, e avrà molto da fare

I nostri scambi con molti romani ci hanno fatto capire fino a che punto molti di loro non fossero più interessati alla politica, anche più locale. Sembra che i romani possano essere classificati in tre categorie. Il primo crede nella politica e sostiene il sindaco. Il secondo è impegnato, ma non dà credito a Gualtieri. E il terzo, molti dei quali ne fanno parte, non ha particolari ostilità nei confronti del sindaco, ma non si aspetta più nulla dalla politica e non se ne interessa più. Per Gualtieri il compito sarà duplice: convincere i non votanti che la politica può ancora cambiare la vita, e tener fede alla fiducia dei suoi elettori.

READ  Migranti: L'Unione Europea distribuirà gli arrivi in ​​Italia quest'estate

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *