coppa del mondo | L’Australia offre la Danimarca e il file all’ottavo posto

(Al Wakra) Sorpresa Sorpresa! Lo spirito dei vichinghi danesi era molto stanco e l’Australia ha mostrato più voglia di prendere il proprio posto negli ottavi di finale della Coppa del Mondo 2022 mercoledì, per la seconda volta nella sua storia.


Il collegamento satellitare ha funzionato bene tra i due stadi di Doha: i tifosi australiani hanno affollato un angolo dell’Al Janoub Stadium solo perché “Socceros” aveva un piede fuori dal Qatar, a causa del gol della Tunisia contro la Francia, quando Matthew Leckie. Corse al tavolo per rimetterlo a posto primi 16 Grazie a un tiro incrociato impeccabile (60e).

Solo dopo essere stati sconfitti per differenza reti dai Blues, gli australiani affronteranno sabato negli ottavi di finale la capolista del Gruppo C; In Argentina, per la quale si attendeva il verdetto poche ore dopo.

“Sono tante le sensazioni. Vogliamo sognare in grande e quando siamo arrivati ​​ci siamo detti che volevamo passare il primo turno. L’attaccante, 31 anni, che gioca per il Melbourne City, si è goduto la serata.

Gli australiani si sono poi difesi con le unghie e con i denti per evitare un pareggio danese che avrebbe significato una dura eliminazione. I loro applausi quando si sono riuniti in cerchio dopo il fischio finale sono stati l’apice del loro successo.

Il loro allenatore, Graham Arnold, ha sussurrato alla stampa: “Sono così orgoglioso dei giocatori, del loro impegno, della loro lotta”.

Ha aggiunto: “Abbiamo parlato molto della generazione d’oro del 2006 e potremmo parlare di una nuova generazione d’oro”.

READ  Il primo incontro di corridori in questa seconda fase? (LIVE commentato alle 11:55)

Non ci sono social network

Finora l’Australia aveva vissuto solo una partita a eliminazione diretta, nel 2006. L’avventura si è poi conclusa all’ottavo turno contro l’Italia campione del mondo (1-0), con un calcio di rigore ai supplementari di Francesco Totti.

I danesi, senza idee, guarderanno il resto del torneo in TV, incapaci di riaccendere la fiamma che li ha portati alle semifinali dell’Europeo dello scorso anno.

Durante un incontro a porte chiuse degli australiani, Martin Braithwaite, rimasto sul punto, è rimasto un’ombra. Kasper Dolberg, che lo ha sostituito, non è stato più decisivo nonostante un’ultima spinta dei danesi che provano a strappare un pareggio che sarebbe stato loro inutile.

Come i loro tifosi, il loro allenatore danese non ha riconosciuto i suoi giocatori durante questa Coppa del Mondo che si è conclusa con un solo punto all’ultimo posto.

“Non ho spiegazioni”, ha detto, “c’era una sorta di mancanza di entusiasmo e coerenza, che di solito abbiamo”.

“Da dove viene? Questa è una domanda da esaminare. C’era una mancanza di freschezza nelle teste”.

Per scaldare i condizionatori del South Stadium, questa volta è stato necessario contare sul guizzo di Leakey e sulla grande gioia dei gialloverdi al fischio finale. Ma una volta tornato in hotel, non ci sono stati festeggiamenti o social network “fino alle quattro o alle cinque del mattino”, ha avvertito il tecnico australiano: “La cosa più importante ora è il recupero”.

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.