Con Friedkins riprende il progetto dello Stadio della Roma

Tra poco passeranno dieci anni da quando la Roma ha lanciato l’idea di costruire un proprio stadio e il progetto partirà presto da zero. Lo scorso agosto il club ha cambiato proprietario: la partenza dell’americano James Pallotta e l’arrivo del… americano Dan Friedkin. Due uomini che condividono solo la nazionalità. Il loro progetto per il club è completamente diverso, e questo vale anche per il futuro stadio. Giallo rosso.

La paranoia di Pallotta non è per Friedkin

Nel 2011 James Pallotta diventa proprietario del Club Louve e lancia immediatamente un nuovo progetto di stadio. Uno stadio che sarebbe di proprietà del club, è più moderno dello stadio dell’Olimpico e quindi più adatto alla comunità dei consumatori. Pallotta vede il quadro generale e più che uno stadio è un quartiere che vuole costruire Tor di Valle. Foro Italico e le sue sculture, Giacomo Pallotta vuole il “parco commerciale”, i centri commerciali e gli alberghi che lo circondano. Una manovra che si sposa perfettamente con la sua voglia di fare della Roma un marchio internazionale.

Dieci anni dopo, Fredkins era quello che teneva i fili e la loro visione dell’argomento era molto diversa. Grazie alla lentezza amministrativa italiana, possono ripensare a tutto perché il loro predecessore non ha firmato nulla. E a differenza di quest’ultimo, il Texas non vuole che il club diventi un marchio globale, né che il suo stadio sia il centro del quartiere degli affari. Le prime pietre che posiamo sono piuttosto quelle di un club vicino ai residenti, alle associazioni e alle scuole della città. Un club che cerca di intensificare i suoi rapporti diretti con coloro che compongono la capitale e di attrarne altri Fan Romani. Le loro ambizioni pesavano di più e il progetto Tor di Valle potrebbe finire in un limbo.

READ  Il Gruppo Vivendi vince contro il regolatore italiano delle telecomunicazioni

Renzo Piano “L’Archistar” nel bastone?

Dan Friedkin e suo figlio Ryan avrebbero reclutato l’architetto Renzo Piano (che avrebbero incontrato a Genova lo scorso novembre) per occuparsi del progetto. Renzo Piano è conosciuto in tutto il mondo, ha partecipato alla costruzione del Centre Pompidou di Parigi e si è occupato della ricostruzione del Ponte Morandi a Genova, tra decine di altre costruzioni a livello internazionale. Crede che all’età di 83 anni, qualcuno soprannominato “Archistar” sarà attratto dal fascino del progetto ma anche deluso dall’idea di affrontare la complessità della gestione della Roma.

Allora dove e come creiamo questo nuovo stadio? La prima pista offerta ai proprietari romani torna allo stadio Flaminio, che si trova a centinaia di metri dallo stadio dell’Olympico. Qui non c’è cambiamento nel quartiere e quindi l’enfasi sul tenere al caldo è nelle abitudini dei sostenitori che sono spesso molto conservatori su questo argomento. Il secondo tracciato richiede un viaggio più lungo, all’Università di Tor Vergata, nel sud-est della capitale italiana. Quest’ultimo caso presenta importanti vantaggi: disponibilità di terra, predisposizione dei collegamenti stradali, trasporto pubblico garantito dalla Metro C e da un eventuale prolungamento della Metro A dalla stazione Anagnina. Questo tipo di punteggio bonus può fare la differenza perché ogni decisione può richiedere mesi per essere finalizzata. Inoltre, per Virginia Raggi, sindaco di Roma, questo tema è importante e spesso sollevato sotto i suoi occhi: Per noi lo stadio della Roma si costruirà, è un lavoro che le persone fanno e quindi devono scegliere dove farlo. Finora l’indicazione del precedente proprietario è stata quella di farlo a Tor di Valle, ma siamo chiaramente aperti al confronto con la nuova gestione. Ci mettiamo a disposizione Dan e Ryan Friedkin erano soliti pensare a ogni decisione e non avere mai fretta. La regola è che rispetteranno logicamente il futuro stadio del club. La loro selezione è prevista durante il mese di marzo.

READ  11:27 - L'Unione Europea raddoppierà le sue sanzioni nonostante il loro scarso impatto

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *