Come si riducono i rischi cardiovascolari associati all’uso della scleroterapia venosa?

primario

  • L’insufficienza venosa cronica colpisce tra l’11 e il 24% della popolazione nei paesi industrializzati. Colpisce tre donne per un uomo.
  • I prodotti indurenti, due farmaci più specifici (Aetoxisclerol e Fibrovein), sono associati al rischio di eventi tromboembolici venosi e aritmie.

Calze a compressione, trattamento delle vene, laser, flebectomia… Diversi metodi sono usati per trattare e alleviare il dolore associato alle vene varicose. Tra i rimedi contro questa dilatazione anomala della vena ci sono anche i prodotti aterosclerotici. Il 3 gennaio, l’Agenzia nazionale per la sicurezza dei medicinali (ANSM) ha indicato che l’uso di questi farmaci non è privo di rischi. Casi di gravi effetti collaterali cardiovascolari con la scleroterapia venosa sono stati segnalati alle autorità sanitarie.

Due farmaci in particolare sono specificati dall’ANSM. Sono Aetoxisclerol e Fibrovein, che vengono utilizzati per prevenire l’esacerbazione delle vene varicose e delle malattie venose croniche. “Questi trattamenti sono strettamente monitorati a causa dei rischi di eventi tromboembolici venosi e aritmie associate che, in alcuni casi molto rari, possono portare alla morte”, Possiamo leggere dentro comunicato stampa.

Quali sono le controindicazioni?

L’Autorità sanitaria ha riferito che questi due farmaci non sono raccomandati per i pazienti con un’anomalia cardiaca pronunciata del forame ovale (FOP), i pazienti con una storia di episodio tromboembolico e quelli con malattia occlusiva o condizioni sistemiche non controllate (tipo diabete mellito). tubercolosi, asma, ecc.). Questi due rinforzi per via endovenosa sono anche controindicati nelle infezioni gravi, nelle persone immobili o costrette a letto e in coloro che hanno subito un intervento chirurgico da meno di tre mesi.

“Il paziente deve essere monitorato durante e nei minuti successivi alla somministrazione. Si raccomanda inoltre, dati i rischi cardiovascolari, di avere un pacemaker e di essere addestrati nelle procedure di primo soccorso”, Seleziona ANSM.

READ  Codice sorgente e Bullet Time: come Matrix ha cambiato la fantascienza

I sintomi di cui essere a conoscenza

L’autorità sanitaria ha sottolineato la necessità di consultare urgentemente il proprio medico curante, dopo l’assunzione di questi trattamenti, nel caso in cui:

  • disturbo visivo transitorio
  • Disagio con perdita di coscienza
  • Mal di testa, emicrania con o senza aura
  • Tachicardia (aumento della frequenza cardiaca), sensazione di oppressione al petto, dolore toracico, mancanza di respiro
  • Tosse, palpitazioni cardiache e una sensazione di respiro sgradevole e sgradevole
  • Formicolio e formicolio alle estremità delle mani e dei piedi, che può portare alla paralisi
  • Dolore al polpaccio con o senza edema/arrossamento
  • disturbi del linguaggio

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.