Come ridurre i rischi delle diete “libere”?

Rimuovere tutti o gran parte di alcuni prodotti dalla dieta può essere dannoso per la salute. Ecco come battere le diete “libere”: uova, pesce, carne, arachidi, crostacei, lattosio, olio di palma e zucchero.

Con il Dr. Edouard Plessier, autore di Vegetariano, vegano o flessibile? Cosa fa bene alla salute (a cura di: Odile Jacob).

sono vegetariano

L’eliminazione di tutti i prodotti animali comporta rischi significativi per la salute del sistema muscolo-scheletrico. Non mangiare pesce, soprattutto pesce grasso che te lo priva Omega 3. Tuttavia, possiamo compensare con un’integrazione a base di alghe. Per le proteine, possiamo consigliare le proteine ​​in polvere, che sono principalmente a base di semi di soia. Se vuoi seguire questa dieta chiedi al tuo medico perché il rischio di carenza è alto.

Non mangio carne

Per le persone che hanno tagliato la carne ma hanno continuato a mangiare uova e pesce, Latticini E per i legumi (lenticchie, fagioli), il rischio è inferiore rispetto ai vegetariani, ma esiste ancora. Uno studio del 2018 su Nutrition Reviews ha mostrato una diminuzione del 4-5% della densità minerale ossea nei vegetariani (6% nei vegetariani) e un aumento del 25% delle fratture (44% nei vegetariani).

Non mangio latticini

Il pericolo è chiaro: un contributo Calcio Insufficiente. Con i semi di chia, forniamo circa 600 mg di calcio/100 g. Con tutte le altre piante (fagioli bianchi, soia, cavolo cappuccio, frutta secca) si scende a circa 150mg/100g. Devi mangiarne molto per ottenere abbastanza calcio! Ad esempio, per fornire l’equivalente di calcio di un pezzo di Comté da 30 grammi, dovresti mangiare circa 200 grammi di cavolo cappuccio, 400 grammi di tofu o 20 fichi secchi.

READ  Biologia, scienza dei dati, geologia... Science Po Paris amplia il suo raggio d'azione

Leggi anche: