Come l’inflazione allevia il debito dell’Italia

L’aumento dei prezzi gonfia le entrate fiscali indirette nonostante la crescita rivista al ribasso.

Roma

Al momento dell’ascesa al potere, Mario Draghi scommetteva sulla riduzione del debito dell’Italia attraverso la crescita piuttosto che il rigore di bilancio. E il suo primo anno gli ha dato ragione, con il debito che è passato dal 155,6% del PIL nel 2020 al 150,8% nel 2021, grazie alla crescita del 6,6% dello scorso anno. Ma, con l’esplosione dei prezzi dell’energia e le difficoltà nell’approvvigionamento delle materie prime, la crescita si è improvvisamente arrestata, costringendo il governo a rivedere radicalmente le previsioni per quest’anno, dal 4,7% previsto sempre lo scorso settembre. infine il 3,1%. E ancora, questo dato è ottenuto grazie a uno sbalzo di crescita del 2,3%, ea una politica di bilancio sempre espansiva del governo. Anche se sembra un ritorno alla normalità, questa previsione è comunque considerata ottimistica, scommettendo su un rapido ritorno alla pace e su una forte ripresa del passo. Perché nel primo trimestre l’attività è diminuita dello 0,5% rispetto all’ultimo trimestre del 2021 e del 2,4% su…

Questo articolo è riservato agli abbonati. Hai ancora il 75% da scoprire.

Coltivare la tua libertà è coltivare la tua curiosità.

Continua a leggere il tuo articolo per 1€ il primo mese

Sei già iscritto? Login

READ  I Blues si inchinano in Italia

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.