Come immaginiamo la transizione da organismi unicellulari a organismi pluricellulari durante l’evoluzione?

Per cercare di trovare l’inizio di una risposta a questo problema, i biologi possono rintracciare i più semplici organismi multicellulari che esistono oggi. Per questo motivo, Volvox è un caso interessante perché si trova al confine tra organismi unicellulari e pluricellulari. Queste alghe sono costituite da una colonia di cellule tra le quali si individuano due diversi tipi: cellule somatiche e cellule riproduttive, leggermente più grandi, dette gonidi. Le cellule somatiche aggregate non sono differenziate ed è per questo che in questo caso è più appropriato parlare di una colonia di un organismo. È un discendente di una forma di vita primitiva che ha permesso di costruire un ponte tra organismi unicellulari e pluricellulari? Apparentemente non dovuto alla “… trasmissione tra l’antenato unicellulare di volfox La forma coloniale come la conosciamo oggi è iniziata circa 200 milioni di anni fa ed è durata circa 35 milioni di anni. Ciò corrisponde alla fine del periodo Triassico e parte del periodo Giurassico, cioè in un’epoca in cui le piante multicellulari erano diffuse ed esistevano da molto tempo. » [1]

Inoltre, non è certo che il passaggio da unicellulare a pluricellulare sia iniziato con le alghe, o almeno con questo tipo di organismi. I lieviti sono organismi unicellulari appartenenti al regno Funghi e Funghi. La maggior parte di essi forma filamenti che sono reti costituite da molte cellule. Il team ha osservato che in determinate condizioni, il lievito candida albicans Questo tipo di rete può essere formato. [2]

Più recentemente, uno studio pubblicato nel 2019 ha riferito di un esperimento in cui un’alga unicellulare si è evoluta dopo 750 generazioni in un organismo multicellulare quando questa alga ha interagito con la presenza di un predatore. Ci sono volute solo 50 settimane perché questo processo di sviluppo portasse i suoi frutti. Tra questi nuovi organismi si osserva una grande diversità. Il team desiderava verificare attraverso test di sopravvivenza “… che i tratti multicellulari evoluti forniscono una protezione efficace contro la predazione”. [3] Lo sviluppo in così poco tempo potrebbe sembrare sorprendente. Va però precisato che questi organismi moderni, per quanto “primitivi” ci sembrino, hanno indubbiamente un patrimonio genetico molto più sviluppato rispetto ai loro antenati che esistevano più di un miliardo di anni fa. Inoltre, è stato effettuato in condizioni artificiali. Presumibilmente, un simile processo evolutivo avrebbe richiesto milioni di anni prima di materializzarsi in un tempo così lontano.

READ  Isabel, responsabile dell'IRSN, valutazione della gestione dei rischi radiologici e nucleari

Trasferimento genico orizzontale

Fueria è una piccola pianta che si trova nelle giungle di Panama. Presenta un unico fiore blu. Presenta una proprietà molto speciale: questa pianta non fotosintetizza. La fotosintesi è una delle principali caratteristiche del regno vegetale. Ovviamente, questa pianta ha perso questa capacità. È del tutto possibile, ma ne siamo sicuri? Un fenomeno che i biologi evoluzionisti devono considerare è il trasferimento genico orizzontale. In questo tipo di processo, i geni vengono trasmessi da un organismo all’altro senza riproduzione. Finora questo fenomeno è stato osservato solo nei procarioti, che sono organismi unicellulari senza nucleo, in questo caso principalmente batteri. L’anno scorso, un team dell’Università di Montreal lo ha osservato in un parassita, la Leishmania. I geni vengono espulsi dal parassita all’interno delle vescicole. [4] Questo trasferimento di geni tra cellule eucariotiche sembra non essere stato ancora dimostrato.

Potrebbe, quindi, tale trasferimento genetico avvenire tra organismi di specie diverse? Come possiamo sapere se questo fenomeno non si è effettivamente verificato in passato? Torniamo alla nostra pianticella che non fotosintetizza. La ragione più semplice è che avrebbe perso questa capacità e si potrebbe dire che sia la possibilità più probabile, ma non l’unica. Al contrario, se la specie ereditata dagli antenati di Fueria non fosse una pianta? Le specie in questione non potrebbero acquisire determinate caratteristiche, anche diverse, dalle piante per trasferimento genico orizzontale che si sarebbe verificato molte volte? Nella scienza, la probabilità non deve mai essere elevata al rango di fatto. Gli scienziati devono immaginare tutte le ipotesi possibili, anche le più probabili, e procedere a verificarle quando si presenta loro la possibilità. Infatti un tale meccanismo può aver operato più frequentemente in certi momenti per consentire “balzi evolutivi” come quelli che hanno permesso il passaggio da organismi semplici dotati di una singola cellula a quelli con molte cellule differenziate in più specie per se stesse. costituzione.

READ  Un consiglio per avere una bella pelle con una maschera al rosmarino e mandorle

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.