Come al Domaine du Dragon di Dragona eleviamo il vino rosso al livello della musica

Come al Domaine du Dragon di Dragona eleviamo il vino rosso al livello della musica

Pronti per la musica? Da diverse settimane la stessa catena attende i visitatori del Domaine du Dragon, dopo aver degustato i vini della storica struttura di Dragona.

Non usciamo mai dalle vendite della cantina senza averlo assaggiato perla Nera 2020. È quasi un talismano per la famiglia Dracénois che aspettava questo momento da…due anni.

Il magnifico vino della tenuta, un rosso che vibra con la musica di Jean-Sebastian Bach, viene finalmente commercializzato dopo diciotto mesi di invecchiamento nella barricaia, da cui fuoriesce ancora – anche se le botti di rovere accolgono un nuovo raccolto -, osserva Jean -Guihen Queras.

“L’interpretazione musicale è molto importante.”Lo conferma il titolare, Mir Nizam, che ha saputo stupire il violoncellista di livello mondiale. L’ex prodigio della Scuola di Musica di Manosque ha accettato di commissionargli l’interpretazione musicale delle Suites n. 1 di Bach, come parte di un originale esperimento scientifico: l’effetto molecolare delle frequenze sonore sull’invecchiamento del vino.

Vinificazione musicale

Una moda per alcuni, una moda per altri Negli ultimi anni si sono moltiplicate tra i viticoltori le ricerche musicali sulla vite, sulla fermentazione o sull’invecchiamento del vino composizione musicalela prima annata nei suoni di Nina Simone, è stata sviluppata nella tenuta Haut-Lirou, nell’Hérault.

Da allora, la musica dolce – jazz o classica – è stata emulata in vigna.

Secondo i suoi sostenitori, il vino si arricchisce grazie a queste buone vibrazioni.

Almeno questo è quello che dice il proprietario del Domaine du Dragon, che ha scelto di utilizzare questo processo per rendere eccezionale il suo rosso. “Più unico”. “Dopo la fase di fermentazione, i succhi del raccolto 2020 sono stati trasferiti in botti di Borgogna da 300 litri. Affinché il suono potesse attraversare le botti di rovere e influenzare le molecole del vino, abbiamo scelto le frequenze basse del violoncello, che vengono trasmesse. 24 ore al giorno,” spiega Mir Nizam.

READ  Non ci sono eccedenze ospedaliere in vista

Da Kabul a Dragona

Questo scienziato di formazione, nato a Kabul, arrivato in Francia all’età di sedici anni per studiarvi, ha studiato biochimica genetica e biologia vegetale all’Università di Tolosa, prima di prendere le redini del laboratorio farmaceutico americano Allergan (inventore del Botox, ndr ) in qualità di allora CEO di France Europe, nulla è troppo inverosimile in questo nuovo campo di esplorazione.

In poche parole, la voglia di andare sempre verso l’eccellenza, i vini della sua tenuta di 26 ettari coltivati ​​con metodo biologico. “Il mio obiettivo è sempre stato quello di produrre ottimo vino. Ma questo non sempre corrisponde a ciò che si può ottenere con i vitigni della Côte de Provence con specifiche molto regolamentate. Questa parte meno cartesiana e puramente sensuale della musica della vinificazione mi ha subito interessato. da un aspetto diverso e unico.” “inspiegabilmente”Lui dice.

Mentre osservava un esperimento scientifico simile, condotto nella sabbia, gli venne l’idea. “A seconda delle frequenze musicali, le vibrazioni creavano forme geometriche ordinate, cerchi e quadrati, e non erano cumuli di sabbia informi. Allora mi sono posto la domanda: “E se la musica è in grado di creare disposizioni simili sulle molecole del vino, degli zuccheri, degli acidi , polifenoli e tannini senza trasformarli e creando una situazione enologica inedita e unica? “, Chiesto.

Immediatamente, l’esperto imprenditore si è immerso nella letteratura scientifica, contattando i viticoltori che avevano tentato l’esperimento – in Linguadoca, in Alsazia – per restringere il campo. Nel 2020 si è imbarcato con entusiasmo nell’avventura, nonostante la riluttanza iniziale dei suoi consulenti vinicoli. “Mentre assaggiava i succhi della miscela millesimata, rimase finalmente stupito, senza riuscire a decidere se la colpa fosse della musica o dell’influenza dell’annata.” Mir Nizam è felice.

READ  Il genio matematico ha il genere?

I vini rossi caldi e solari acquisiscono una morbidezza setosa, si ammorbidiscono al palato e rivelano la loro eleganza.

La prima tipologia dovrebbe invitare altri, cresciuti in un registro musicale diverso, a creare una collezione di vini.

Al Domaine du Dragon, però, bisognerà convincere il cantiniere Richard Grassi. “Questa musica gli dava fastidio giorno e notte, quindi mi ha chiesto di abbassare il volume.”Conosci il presidente.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *