Collegamenti tra il riscaldamento artico e il rigido clima invernale – Occhi sull’Artico

Collegamenti tra il riscaldamento artico e il rigido clima invernale – Occhi sull’Artico
Il ghiaccio artico, che è stato a lungo un regolatore della temperatura del nostro pianeta, si sta sciogliendo man mano che viene rilasciata sempre più anidride carbonica. (Sean Kilpatrick / The Canadian Press)
Un team internazionale di scienziati ha deciso di studiare la relazione tra i freddi inverni nell’emisfero settentrionale e lo scioglimento del ghiaccio marino artico. Ha scoperto che le temperature invernali più basse nell’Asia orientale e nel Nord America sono solitamente accompagnate da temperature del mare più elevate nell’Artico.

Nel loro studio pubblicato sulla rivista npj clima e scienze atmosfericheGli esperti guidati dall’Istituto di scienza e tecnologia di Gwangju, in Corea del Sud, hanno esaminato i dati climatici storici. Quindi si sono rivolti a modelli di proiezione climatica per esplorare la possibile connessione e valutare come questo fenomeno potrebbe essere influenzato da diversi scenari di riscaldamento globale.

Utilizzando i dati climatici del Centro europeo per le previsioni meteorologiche a medio termine, che risalgono a quasi 40 anni fa, i ricercatori hanno correlato le temperature invernali nell’Asia orientale e nel Nord America con quelle dei mari di Barents Kara, del Mare della Siberia orientale e dei Chukchi artici. regione.

Oltre a notare la diminuzione delle temperature invernali nell’Asia orientale e nel Nord America, che di solito è accompagnata da un aumento della temperatura del mare nell’Artico, gli scienziati hanno anche scoperto che alcuni inverni (come l’inverno 2017/2018 nell’Asia orientale) non erano compatibili con questa tendenza, suggerendo che questo collegamento include una potenziale incertezza dovuta a fattori diversi dalle temperature del mare artico.

Lo studio rileva che la relazione tra la temperatura del mare artico e le temperature dell’Asia orientale sta diventando più ambigua con l’intensificarsi del riscaldamento globale.

“Abbiamo osservato che la relazione tra il riscaldamento nell’Artico e gli eventi freddi alle medie latitudini diventerebbe più ambigua nei climi più caldi, il che metterebbe in discussione le previsioni delle future temperature invernali”, ha affermato Yong Hong, ricercatore e membro del team di scienziati. dietro lo studio.

READ  Biodiversità e ambiente al centro della Fête de la science
Frequenti ondate di freddo

Gli esperti sottolineano che sebbene l’Artico si sia riscaldato il doppio rispetto alla media globale, gli inverni alle medie latitudini hanno visto eventi meteorologici più freddi e più severi.

Lo studio porta come esempio l’inverno 2022-2023, caratterizzato da temperature rigide e nevicate record in Giappone, Cina e Corea. Allo stesso modo, molte parti dell’Eurasia e del Nord America hanno subito forti ondate di freddo, con abbondanti nevicate e periodi prolungati di temperature sotto lo zero.

afferma Jin Ho-yeon, professore presso il Korea Institute of Science and Technology di Gwangju.

I risultati di questo studio evidenziano l’importanza di continuare gli sforzi per comprendere meglio le interazioni tra il riscaldamento artico e il clima alle medie latitudini, al fine di trovare altri modi per prevedere futuri eventi meteorologici invernali estremi.

Con informazioni dal Gwangju Institute of Science and Technology

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *