Clubhouse, il social network audio più ricercato

(SAN FRANCISCO) Il social network audio Clubhouse è stato promosso con chiusure per il 2020, ma la piattaforma ha messo tutte le possibilità dalla sua parte per ancorarsi nell’economia dell’attenzione, al di là dell’impatto della situazione, lanciandone un nuovo utilizzo.


Julie Gammot
France Media

“La scorsa primavera, ero molto attivo nella Clubhouse. Dopo di che ero molto impegnato altrove, e questa non era più una priorità. Ma ci sono, ancora una volta, cose che accadono che non posso perdere”, ha detto Shell Mohnott, un investitore californiano che ha seguito più di un milione di persone Nell’applicazione.

La rete di live chat, disponibile solo su iOS (Apple) e invitante – per ora – gioca interamente su FOMO (“paura di perdere qualcosa” o “paura di perdere qualcosa”).

Ma non è l’unica componente del successo della Clubhouse, che è stata lanciata segretamente a marzo nella Silicon Valley e che ora è visitata da quasi due milioni di persone in tutto il mondo ogni settimana.

Andare alla Clubhouse è la possibilità di portare a spasso il tuo cane o cucinare mentre ascolti conversazioni sul finanziamento delle startup, sull’istruzione o persino sui giochi di cultura generale.

Ma a differenza di un podcast, tutto accade in diretta e la condivisione è possibile, a condizione che siano invitati dai moderatori.

Stelle ed élite

Tranne quando la discussione si trasforma in un evento con ospiti speciali, come il comico Kevin Hart la scorsa primavera, e soprattutto di recente, interviste a Mark Zuckerberg, fondatore e presidente di Facebook, nonché Elon Musk, fondatore di Tesla e SpaceX.

READ  Spiritfarer: ottima copia fisica del gioco Quebec

Per questi ultimi è stata raggiunta la capienza massima di 5.000 persone e sono state aperte “stanze” secondarie.

“Ho seguito su YouTube, dove qualcuno stava trasmettendo”, dice Bobby Thakar, un consulente di Ampersand Ventures che ha certificato Clubhouse sin dall’inizio. Vi trascorreva facilmente 25 ore alla settimana, grazie alle restrizioni di viaggio legate alla pandemia.

“Tutti si conoscevano”, ricorda. Oggi predilige le stanze piccole, quelle della cerchia del suo amico o quelle legate al suo lavoro.

In qualità di oratore abituale, Shell Mohnot apprezza il cambiamento di volume: “È come quando fai un podcast, è più emozionante parlare con molte persone”.

La scorsa primavera, l’uomo d’affari è stato coinvolto in ogni tipo di esperienza, incluso un incontro romantico nella lounge del club, con partecipanti all’osservanza rituale. Ora ospita due spettacoli settimanali, uno sul fintech e l’altro sulla cultura indiana americana.

Nei suoi primi giorni, la Clubhouse è stata criticata per essere un club d’élite chiuso.

Ma le prime comunità che si sono formate intorno agli investitori californiani, compreso l’afro-americano Chris Lyons (seguito da 1,8 milioni di persone), continuano a svolgere un ruolo importante nel loro fascino: devi “esserci”.

Era del suono

“Il 2020 è stato un anno doloroso per gli Stati Uniti”, ha detto David Bouchere, direttore della società di consulenza Fabernophile negli Stati Uniti, riferendosi alla pandemia e all’ondata di rabbia contro il razzismo istituzionale.

“Il club è caduto direttamente sulla mappa come una piattaforma dove le persone potevano portare i loro pensieri ed emozioni”.

La piattaforma deve ora affrontare sfide di networking, dalla monetizzazione ai creatori gratificanti, in particolare la spinosa moderazione dei contenuti.

READ  L'acqua è andata su Marte. Forse è lì che è andato.

“Ora vogliamo aprire la Clubhouse al mondo”, hanno detto i fondatori Paul Davison e Rohan Seth alla fine di gennaio.

In Cina l’avventura è durata una settimana, prima che Pechino bloccasse l’app. Ma altrove è fiorente.

Sostenuta da oltre 180 investitori dopo una nuova raccolta fondi, si dice che la Clubhouse valga quasi $ 1 miliardo, secondo l’informazione.

David Bashiri osserva che “la recente tavola rotonda crea una sorta di barriera all’ingresso di fronte a una potenziale acquisizione”, poiché la vede come un tentativo da parte degli investitori, guidati dalla società di venture capital Andreasen Horowitz, di “impedire a un gigante della tecnologia di vincere “”.

Un segno che il nuovo utilizzo viene imitato, Twitter sta testando “Spaces” – stanze vocali in cui fino a dieci persone possono esprimersi e rivolgersi a un numero infinito di persone. Circolano voci su un prodotto simile su Facebook.

“Siamo entrati nell’era del suono”, osserva David Bouchere. Crede: “I nostri nipoti non conosceranno le tastiere. Non avranno più bisogno di interagire con le macchine in questo modo e tutto sarà eseguito tramite comandi vocali o pensando direttamente”.

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *