Ciclismo. Giro d’Italia: La corsa dei puzzle

Il percorso di 3.480 chilometri è preferito da alpinisti come Simon Yates e Egan Bernal. Tuttavia, se vincono un Grand Tour, l’inglese (Vuelta 2018) e il colombiano (Tour de France 2019) sono ben lungi dall’offrire tutte le garanzie per battere il trofeo assegnato al vincitore il 30 maggio contro il Duomo di Milano.

Allora cosa possiamo dire di Remco Evenepoel! Il belga Phenomenon, che ha deriso gli avversari fino alla caduta dal Tour della Lombardia il 15 agosto, torna a gareggiare al Giro, primo grande tour della sua carriera.

Al di là della retorica itinerante che ha identificato il collega francese Remy Cavagna e il campione del mondo italiano Filippo Gana come candidati per la beta lunga 8,6 chilometri lungo il fiume Po, Evenboule trasuda fiducia.

L’incredibile sfida di Evenepoel

Evenbuell ha intrapreso una splendida sfida ma senza pressioni negative, poiché ha collaborato con Dikkonink con il portoghese Joao Almeida, indossando la maglia rosa per 15 giorni l’anno scorso ed era un ovvio candidato per il podio.

Parallelamente alla coppia di alpinisti del team DSM, l’australiano Jay Hindley (secondo nel 2020) e il francese Roman Bardet, che a 30 anni hanno scoperto il Giro, il suo fascino e le sue trappole.

Tutti, anche l’italiano Vincenzo Nepali, recuperato all’ultimo minuto, incontra la montagna in questa ricca versione di Otto arrivi in ​​collina o in vetta. Ma prima di attaccare lo Zoncolan (14 ° tappa) e i Grandi Passi delle Dolomiti (16 ° tappa), il sentiero attraversa la penisola, anche se questa volta il tacco è trascurato.

Dispone inoltre di 36 chilometri di corsie “Styrato” non asfaltate. In vista dell’ultima prova di 30 chilometri che si è rivelata decisiva lo scorso anno a favore del britannico Tao Geojehan Hart, che ha mancato Torino.

READ  Leclerc è pronto a partire con la Ferrari

Vittoriosa in due delle ultime tre versioni, la sua squadra di Ineos si è affidata a Bernal, uno dei gioielli delle formazioni più potenti del gruppo. Il colombiano, rientrato nel Paese che lo ha accolto al suo arrivo in Europa nel 2016, ha scoperto il Giro, due anni dopo il suo tardivo ritiro e quindi la sua vittoria nel giro.

Una gara di tutte le possibilità

Bernal, primo classificato, non corre da metà marzo, a differenza di Yeats, che ha dominato l’ultimo Giro delle Alpi. Funziona come una gara preparatoria. È abbastanza per essere il suo primo nome preferito?

“Ci avviciniamo al Giro con più ambizione dopo la nostra sfortunata esclusione dal 2020”, ammette il suo capo Brent Copeland, riferendosi all’abbandono di massa dello scorso ottobre a causa del Coronavirus. Ma il britannico, del team australiano BikeExchange, ha spinto nei suoi precedenti tre tentativi per non trascurare le prove, soprattutto lo spagnolo Mikel Landa, alla testa di un forte team del Bahrein.

Confuse come il ribaltamento del britannico Chris Fromm nel 2018, le ultime tre uscite ci ricordano che tutto è possibile al Giro, sempre a contatto con la storia.

Quest’anno la Corsa Rosa celebra i 160 anni dell’Unità d’Italia, a cominciare da Torino, prima capitale del Paese.

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *