Ciclismo. “C’è ancora spazio per migliorare”, ha detto Thomas Dennis prima dei Campionati del mondo su pista



La pista dei campionati del mondo a Saint-Quentin-en-Yvelines. Segui la squadra, mercoledì e giovedì

L’obiettivo sarebbe quello di fare, almeno come l’anno scorso, almeno una medaglia. Abbiamo fatto un Campionato delle Nazioni e un Campionato Europeo dove c’erano gli italiani ed eravamo sempre più forti di loro. Da quello che abbiamo visto negli incontri passati, l’Italia non è al massimo, potrebbe essere l’ultimo punto dopo le Olimpiadi di Tokyo. Lì la domanda saranno i non europei: australiani e neozelandesi, che sono molto forti in questa disciplina.

Lo vedremo questa settimana! Negli ultimi incontri abbiamo vinto la Coppa del Mondo a Glasgow e gli ultimi Europei senza molta preparazione, anche se non ci siamo arrivati ​​con un fiore nelle pistole. Lì, con i nostri cicli economici a lungo termine, arriviamo davvero pronti. Abbiamo ancora margini di miglioramento nei Giochi del 2024, ma comunque stiamo andando al nocciolo della questione. Le partite di Parigi saranno una sola volta nella nostra vita, quindi se non siamo pronti, non lo saremo mai. Tutti i mezzi sono implementati per essere pronti.

Entrare a far parte di una squadra di strada professionistica (Go Sport-Roubaix Lille Métropole) per due stagioni ti aiuta anche a prendere la strada giusta?

L’obiettivo di Roubaix era quello di prendere i piloti del circuito, davvero per aiutarci a livello sociale e professionale. Era chiaro fin dall’inizio che avere uno stipendio ci permetteva di continuare l’attività. Correre con i professionisti su strada, era abituato a passare le teste, ed è stato un buon scambio: ci hanno portato in pista e li abbiamo anche portati un po’ su strada.

Come viene organizzata quotidianamente la riconciliazione dei due regimi?

Ci sono periodi in cui concentrerò davvero la mia preparazione sulla strada, periodi in pista molto specifici quando ci alleniamo, gareggiamo, in quota… Sono settimane abbastanza intense in cui lavoriamo per tenere traccia della squadra.

READ  Krajinovich e Melman sono sopravvissuti

A Roubaix ci sono due compagni di squadra che fanno anche parte della squadra di inseguimento francese

È un vantaggio?

Con Valentine eravamo già compagni di squadra con la Vendée U e prima eravamo già insieme al polo francese di Bourges. Thomas Bodd, stessa cosa, lo conosco da quando era giovane. Ci siamo persi, lui era con i professionisti e io ero un dilettante. E comunque, ci vediamo spesso, ci alleniamo una o due volte al mese in pista. Quindi è un bene che stiamo insieme, ma non è Rubix a fare la coesione della squadra francese in pista.

* Valentin Tablion e Thomas Bodd non saranno coinvolti nell’inseguimento della squadra quest’anno.

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.